venerdì, 22 Ottobre 2021

Fondazione Courmayeur, dalla montagna 10 Mld di fatturato

Ogni anno 38 milioni di presenze negli alberghi montani

La montagna partecipa annualmente con circa 10 miliardi di euro al fatturato dell’ industria turistica
italiana. E’ quanto emerge da una ricerca presentata sabato ad Aosta nell’ambito del convegno, organizzato dalla Fondazione Courmayeur e dal Centro Nazionale di Prevenzione e Difesa
Sociale, sul tema: “Montagna e Ambiente dieci anni dopo Rio”. Dall’analisi della ricerca si rileva che mediamente, ogni anno, nelle aree alpine italiane si registrano 32 milioni di
presenze alberghiere e 6 milioni nelle aree appenniniche. Si devono poi aggiungere 120 milioni presenze extra alberghiere nelle regioni alpine italiane e 85 milioni nelle regioni
appenniniche. Più in generale il fatturato del turismo montano partecipa con quasi il 12% al fatturato turistico annuo italiano, che in termini assoluti significa oltre 3 miliardi di euro derivanti dal turismo montano estivo e oltre 5 miliardi di euro prodotti dal turismo montano invernale.
Commentando i dati, Gian Franco Fisanotti, presidente di UnionTurismo, ha sottolineato: “oggi abbiamo avuto la conferma che la montagna è una risorsa turistica ed è quindi necessario
valutarne, nel nostro sistema organizzativo, la centralità a largo spettro e non soltanto come risorsa monostagionale”. A tal proposito, Fisanotti ha ricordato, a margine del convegno, che UnionTurismo ha già elaborato le linee guida per “rendere turisticamente fruibile la montagna tutelandone le peculiarità e l’ambiente, consentendo il libero e gratuito accesso, ma limitando l’uso dei mezzi motorizzati ai soli servizi di sicurezza, di soccorso e per la rimozione di
rifiuti”.

News Correlate