giovedì, 2 Febbraio 2023

Gardaland apre stagione invernale con Babbo Natale

Il parco rimarrà aperto tutti i giorni fino al 6 gennaio

”Fare cultura divertendo” con queste parole, una sorta di slogan, il ministro Giuliano Urbani ha inaugurato, sabato scorso, la stagione invernale di Gardaland, il più grande parco divertimenti d’Italia. Il parco rimarrà aperto da oggi tutti i giorni fino al 6 gennaio 2004 compreso ad eccezione di Natale e Capodanno. Il taglio del nastro, con atmosfera natalizia garantita da canzoni e figuranti in compagnia di Prezzemolo, il draghetto storica mascotte di Gardaland, il ministro Urbani lo ha fatto sotto la riproduzione del tempio egiziano di Abu Simbel con a fianco il sottosegretario Aldo Brancher e il presidente di Gardaland Enrico Ghinato. Proprio davanti al tempio e ad altri divertimenti, come i castelli medievali, Urbani ha sottolineato come per i più piccini vedere anche solo riproduzioni di monumenti possa essere stimolo perché da più grandi siano incuriositi nel vedere gli originali o, nel caso della storia d’Egitto, anche ad andare a Torino per vedere quello che è tra i maggiori musei, sul tema, del mondo. L’apertura invernale di Gardaland inaugura il rapporto che la località scaligera ha avviato con la Lapponia. Il parco di divertimenti infatti è diventato sede, unica in Italia, dell’ambasciata della Lapponia finlandese, patria ufficiale di Babbo Natale. A questo proposito sempre a Gardaland è nato il primo ufficio postale italiano di Babbo Natale che tutti i bambini possono da oggi visitare. Le attrazioni del parco per la stagione più fredda vertono su poco meno di una decina di spettacoli quotidiani che vanno dalla magia al pattinaggio passando per le marionette e i canti gospel, il tutto facendo perno sull’immancabile visita al delfinario. E in inverno Gardaland rinuncia, giocoforza, ai giochi sull’acqua ma le attrazioni non vengono meno grazie al castello di mago Merlino, al galeone dei pirati e ai giochi minori che trovano spazio in casette in legno in sintonia con la tradizione nordeuropea. Alla sera, all’atmosfera musicale si aggiunge uno sfavillante gioco di luci – migliaia di metri di cavi in fibra ottica adibiti allo
scopo – per garantire il massimo dell’atmosfera natalizia.

News Correlate