giovedì, 24 Settembre 2020

Lampedusa, Cuffaro sostiene il festival di Baglioni

Federalberghi Pelagie: “Ospitalità e bellezze naturalistiche, non solo sbarchi nell’isola”

Piovono consensi su Claudio Baglioni, organizzatore di O’ Scià, festival canoro organizzato sulla spiaggia della Guitgia di Lampedusa da Claudio Baglioni in programma dal 28 al 30 settembre e giunto alla quarta edizione. Soddisfazione, in particolare è stata espressa soprattutto da parte del governatore della Regione Sicilia, Salvatore Cuffaro, e dal presidente della Federalberghi delle Pelagie, Giandamiano Lombardo, per il cantautore romano che grazie alla sua iniziativa sta spostando l’attenzione dei media su Lampedusa non solo come luogo di sbarchi. “Lampedusa, estremo lembo di terra italiana nel mare Mediterraneo, proiettata verso il continente africano – ha dichiarato il presidente della Regione Siciliana – deve essere riconosciuta come il paradiso che è, luogo di vacanze e divertimento, e anche un luogo simbolo di speranza, di vicinanza e amicizia fra i popoli, un luogo di incontro, tolleranza e comprensione che non può essere trasformato nell’immaginario collettivo solo nella piattaforma per gli sbarchi di tanti disperati alla ricerca di una vita migliore”. “A nome degli albergatori di Lampedusa, ringrazio Claudio Baglioni – ha aggiunto il presidente della federalberghi delle Pelagie, Giandamiano Lombardo – per tutto quello che ha fatto e continua a fare per le nostre isole. Nel corso degli anni, Baglioni è riuscito con l’organizzazione del festival O’ Scià, a divulgare dei messaggi importanti che non riguardano solo l’immigrazione clandestina ma anche l’ospitalità degli operatori turistici e della popolazione e le bellezze naturalistiche delle due Pelagie”.

News Correlate