venerdì, 22 Gennaio 2021

L’identikit dell’italiano in vacanza

Mete e abitudini secondo lo studio della Camera di Commercio di Milano

Superstizioso, un po spendaccione, amante delle belle città e appassionato scrittore di cartoline. E’ questo il ritratto del turista italiano secondo una ricerca dell’Osservatorio sul Turismo della Camera di commercio di Milano, realizzata con l’università Iulm. Il 55,9% dei 400 intervistati ha scelto di passare le sue vacanze in Italia; il 28,2% di non lasciare l’Europa, mentre solo il 15,8% si è avventurato in viaggi intercontinentali. E sono soprattutto gli under 35 a preferire le vacanze all’estero: 42,9% in Europa e 16,7% nel resto del mondo. Mete più apprezzate sono le città d’arte italiane, cui gli intervistati hanno dato un voto di 7,8 su 10, seguite a pari merito (7,5) dalle città d’arte europee e dalle località di mare in estate e di montagna nei mesi invernali. Non hanno guadagnato invece la sufficienza le vacanze in barca a vela (5,2) e i tour religiosi (5,1). Il 65,5% degli intervistati ha spedito almeno una cartolina nel suo ultimo viaggio, ma facendo la media si scopre che ogni italiano avrebbe inviato oltre 10 cartoline. A scrivere tanto sono soprattutto gli anziani, ma anche fra i giovani il 52,6% non ha rinunciato a spedire un ricordo della sua vacanza. Il 53% delle persone intervistate ha comperato un souvenir per sé e il 44,6% ha portato qualche ricordino a amici e parenti: soprattutto artigianato locale (24,6%), vestiti o accessori (23%), cibo (15,6%) o gioielli (8,5%). In pochi (33,8%) hanno sentito nostalgia di casa, e quello che mancava di più era il solito letto (16,6%), la casa in generale (15%,5%) e la cucina italiana (12%). Il 7,6% degli ultra sessantacinquenni ha, però, del tutto rinunciato alla vacanza per prendersi cura di un animale domestico, una percentuale che scende con il calare dell’età.

News Correlate