martedì, 29 Settembre 2020

L’isola del Giglio, turismo e cultura nel rispetto del protocollo di Kyoto

L’Arenella Hotel punta su wellness e corsi di aromaterapia

La “nuova era” del Giglio non può prescindere dall’energia alternativa. A pochi giorni dall’entrata in vigore del Protocollo di Kyoto l’Isola del Giglio si pone all’avanguardia in Italia: è infatti una delle 10 isole del Mediterraneo facenti parte del “Progetto Pale Eoliche” dell’Enel: entro ottobre dovrebbe essere installata una pala eolica che fornirà il 15% dell’energia dell’isola e ridurrà le emissioni atmosferiche, in accordo con gli impegni del Protocollo di Kyoto, di ben 900 tonnellate di anidride carbonica. Saranno installati dispositivi adatti a sfruttare l’energia del vento su molti tetti delle case e degli alberghi dell’isola.
Il Giglio, inoltre, sarà la prima isola del Mediterraneo indipendente idricamente: è attivo un dissalatore avveniristico che produce 1.700 metri cubi di acqua al giorno con una spesa energetica minima e entro la fine dell’anno entrerà in funzione un secondo. E’ stata attivata, infine, una “isola ecologica”, ossia una stazione di stoccaggio temporaneo dei rifiuti prodotti, in modo da ridurre al massimo i viaggi da e per la Penisola.
In questo contesto apre in uno dei luoghi più belli e famosi dell’isola L’Arenella Hotel. Questa struttura si inquadra perfettamente nella “nuova era” del Giglio e diventa un’apripista per tutte le strutture turistiche che verranno: progettata dalla pittrice Laura Fiume (figlia di Salvatore e artista di fama mondiale), utilizza solo materiale biologico e offre servizi all’avanguardia come i corsi di aromaterapia o le passeggiate botaniche guidate. L’albergo di “nuova generazione” del Giglio coniuga il piacere del mare (corsi di vela, diving) con il benessere e il culto del corpo: dal prossimo anno, inoltre, sarà attiva una zona wellness, con sauna, bagno turco e piccola palestra.

News Correlate