martedì, 20 Aprile 2021

L’Odissea rivive nelle viscere di Trento

Il 23 aprile danza e letture nel sito archeologico sotterraneo

Letture, coreografie e proiezioni di immagini tra le vestigia della Trento d’epoca romana: è questa la formula di “2005: Odissea nello spazio…del Sas”. Una serie di quattro incontri incentrati su uno dei testi classici per eccellenza, l’Odissea di Omero, e più nello specifico sulla straordinaria modernità della figura di Ulisse.
Nella suggestiva cornice delle mura di cinta, delle strade e degli altri resti dell’antica Tridentum, conservate nel sito archeologico sotterraneo situato sotto la pavimentazione di Piazza Cesare Battisti, il pubblico avrà la possibilità di incontrare e conoscere i diversi aspetti della figura di Odisseo. Un eroe anomalo rispetto agli altri della tradizione classica, caratterizzato da una profonda umanità, dalla perenne ricerca di nuove esperienze, da una vita che essenzialmente è una storia di peregrinazioni, intendendo il viaggio come metafora dell’esistenza umana.
Il calendario della rassegna, dopo i primi del febbraio e marzo scorsi intitolati “L’eroe dalla mente accorta” e ” Odisseo e le donne”, prevede i prossimi appuntamenti per il 13 aprile con “Odisseo e i Ciclopi” e il 4 maggio con “Odisseo, la casa e gli affetti”. Due spettacoli in cui gli attori della compagnia teatrale GAD Città di Trento diretta da Alberto Uez e le letture di brani selezionati da Marialia Guardini affrontano rispettivamente il tema dell’incontro avvenuto tra Ulisse e i giganti favolosi dall’unico occhio, e quello del rapporto tra l’eroe omerico e i suoi affetti più cari.
“2005: Odissea nello spazio…del Sas” è la proposta della Soprintendenza per i beni archeologici per l’inaugurazione dell’attività culturale di quest’anno presso lo Spazio Archeologico Sotterraneo del S.A.S.S. L’ingresso è libero fino ad esaurimento posti, gli spettacoli iniziano alle 17.30.

News Correlate