martedì, 22 Settembre 2020

Mosca, un piano per migliorare l’immagine all’estero

Il sindaco stanzia fondi e lancia “l’informazione positiva”

Per fronteggiare la crisi del turismo a Mosca e per “migliorarne l’immagine” il sindaco della capitale russa, Iuri Luzkhkov, ha appena varato un piano di “informazione positiva” con una spesa prevista di 27 milioni di dollari nell’arco di tre anni. Del resto, l’ex-capitale del comunismo mondiale non gode certo di buona stampa a livello internazionale e di anno in anno diminuisce il numero degli stranieri che la visitano. Il motivo? Intanto, in una recente classifica delle città più costose del pianeta si è ritrovata al primo posto. D’altra parte, i costi per una camera d’albergo al centro sono davvero proibitivi, (da 400 dollari per notte in su), per non parlare, poi degli affitti (si parte da 3 mila dollari al mese per un appartamento da 80/90 metri quadrati ristrutturato “all’europea”). Infine, si spiega anche con la mancanza di alberghi a tre stelle dal prezzo accettabile il forte calo del flusso dei turisti che spesso devono fare i salti mortali per l’ottenimento del visto e devono pagare tre o quattro volte di più per l’ingresso ai musei rispetto ai cittadini russi. A questo punto il sindaco ha decso, dunque, di investire sul piano dell’immagine, pubblicando due nuovi periodici trimestrali in tre lingue che cantino le tante virtù di Mosca, organizzando più cocktail per i giornalisti e diplomatici stranieri e facendo pubblicità anche su Internet.

News Correlate