martedì, 19 Gennaio 2021

Parigi, la rivolta delle banlieues minaccia il turismo

Ma il governo smentisce: “Colpa dell’allarmismo dei media stranieri”

Il fuoco che avvolge le periferie parigine non accenna a placarsi e arrivano anche le prime ripercussioni sul turismo francese. La catena alberghiera Accor ha annunciato che in almeno una dozzina di alberghi nei dintorni della capitale, numerose sono state le disdette, soprattutto di gruppi di turisti provenienti dall’Asia. Molti paesi hanno già invitato i propri cittadini attualmente presenti in Francia di prestare molta attenzione alla propria incolumita’.
Il governo francese punta il dito contro i media stranieri, a suo avviso colpevoli di aver creato un clima di allarme eccessivo. “Al momento il turismo non viene preso di mira”, ha però smentito il ministro del Turismo di Parigi, Leon Bertrand, in una conferenza stampa, “nessun turista e’ stato infastidito e i luoghi turistici non sono stati raggiunti dai rivoltosi”.

News Correlate