mercoledì, 27 Ottobre 2021

Ponte sullo Stretto, la Cisl Sicilia è favorevole

“Meccanismo senza precedenti”, se troveranno posto i 14.000 lavoratori previsti

La Cisl Sicilia ha accolto ‘con favore’ la decisione del consiglio d’amministrazione della società Stretto di Messina di dare via libera al progetto preliminare per il ponte – così come riportato in un comunicato diffuso dalla stessa Cisl Sicilia – “Era ora”, è stato il commento di Paolo Mezzio, segretario generale. Forse questa storia infinita comincia ad avviarsi “veramente” verso il traguardo. Ci auguriamo, sottolinea Mezzio, che come previsto trovino lavoro nei prossimi anni nella costruzione di questa grande infrastruttura le 14.000 persone calcolate qualche tempo fa. Si metterebbe in moto un “meccanismo senza precedenti che darebbe fiato all’intera economia dell’Isola” contribuendo al superamento del gap economico che grava sulla Sicilia e sul Sud. Tra l’altro, rimarca la Cisl, l’attraversamento stabile delle due estremità meridionali del Paese favorirebbe la proiezione verso il Mediterraneo, in coincidenza con l’avvio dell’area di libero scambio nel 2010, delle grandi dorsali di collegamento che s’irradiano dal cuore dell’Europa. E ancora, il ponte “promette di riequilibrare verso il Mezzogiorno il sistema nazionale delle infrastrutture”, rispetto “ad esempio” alla scelta compiuta dal Paese di realizzare il secondo Traforo del Fréjus: una galleria che sarà lunga 52 chilometri e per la cui realizzazione, al lordo dei collegamenti, la spesa sarà di 21.000 miliardi di vecchie lire, di cui 12.000 per il solo tunnel-base. “Auspichiamo tuttavia – insiste Mezzio – che il governo Berlusconi mantenga la parola data e non faccia del ponte una triste cattedrale nel deserto”. Il ponte potrà dispiegare infatti le potenzialità di grande infrastruttura “solo all’interno di una rete meridionale dei collegamenti, ricca, integrata e organizzata”.

News Correlate