sabato, 27 Febbraio 2021

Portogallo, Algarve sottotono dopo gli Europei

Meno 15% dovuto a prezzi alti e incendi

Alta stagione con turismo in ribasso nella regione portoghese dell’Algarve dove si è registrato un calo del 15% delle presenze estive, apparentemente scoraggiate dagli incendi e soprattutto dagli alti prezzi registrati durante la Coppa Europa di calcio. Questi almeno sono i dati delle prime tre settimane di alta stagione che paiono confermare i peggiori timori degli operatori turistici. E gli albergatori sono stati costretti ad annunciare veri e propri saldi per cercare di far fronte all’emergenza. Con forti riduzioni nelle tariffe fino al 25% e offerte a pernottare in un hotel a cinque stelle al costo di uno di tre, pensione inclusa. Secondo gli osservatori la principale causa del calo di
presenze sarebbero i prezzi molto alti in alberghi e ristoranti registrati durante la Coppa Europa (12 giugno-4 luglio) che invece di promuovere il paese come destinazione turistica sembrano avere ucciso, almeno temporaneamente, la gallina dalle uova d’oro. Altra ragione, ma apparentemente secondaria, gli incendi che hanno devastato 100 mila ettari di boschi in tutto il paese e in
particolare nella regione dell’Algarve. Il turismo contribuisce con 7,5 miliardi di dollari agli oltre 160 miliardi del Pil lusitano e rappresenta una quota
dell’1,7% del mercato mondiale con 27,2 milioni di visitatori e 11,6 milioni di turisti veri e propri (coloro che hanno pernottato nel paese) facendo del Portogallo la diciassettesima meta assoluta nel mondo. Più della metà dei visitatori in generale provengono dalla Spagna mentre tra i vacanzieri estivi
prevalgono gli inglesi con il 31,2% della quota di mercato, seguiti da Germania, Spagna, Olanda, Francia, Irlanda, Italia e Svezia.

News Correlate