lunedì, 18 Gennaio 2021

Presentata la guida pratica di automedicazione

Iniziativa congiunta della Fiavet e dell’Unione Nazionale Consumatori

“Uno strumento pratico, essenziale ma di straordinaria utilità che dovrebbe accompagnare sempre chi si appresta a partire per le vacanze, soprattutto quando queste hanno come destinazione un paese straniero”. E’ quanto ha dichiarato Vincenzo Dona, Presidente dell’Unione Nazionale Consumatori, presentando a Roma, nella sede della Fiavet, la “Guida pratica di automedicazione per chi si reca in vacanza all’estero”.
La voglia di partire, di evadere in cerca di riposo, di svago e di divertimento fa spesso perdere di vista alcuni semplici accorgimenti che, invece, assumono una importanza fondamentale proprio per far sì che le vacanze non vengano compromesse dalla scarsa attenzione riservata a poche ed elementari norme comportamentali. Sono pochi, ad esempio, a prendere in considerazione l’eventualità che anche in vacanza ci si possa ammalare o avvertire qualche disturbo. E, invece, sono proprio il cambio di clima, di orari e di abitudini alimentari, uniti spesso alla voglia di qualche trasgressione, che rendono il nostro organismo più esposto e indifeso. Ecco perché nella valigia del “turista previdente”, non dovrebbe mai mancare un kit contenente non solo le medicine che abitualmente fanno parte del nostro vivere quotidiano, ma anche quelle che possono venire utili all’insorgere di malesseri, passeggeri ed episodici, come una puntura d’insetto o una scottatura, ma parimenti in grado di rovinare le tanto agognate vacanze.
“Il suggerimento, ha detto Luciano Caprino, Ordinario di Farmacologia nella Facoltà di Medicina dell’Università “La Sapienza” di Roma, deve essere seguito a maggior ragione se la meta delle vacanze è l’estero, dove patologie e farmaci potrebbero avere nomi diversi dai nostri. Farsi capire, ha continuato Caprino, da un farmacista che non parla italiano non è facile e, inoltre, una volta individuata la medicina giusta, il foglio illustrativo, strumento essenziale da leggere sempre, potrebbe non essere scritto nella nostra lingua”.
La Guida, pubblicata a cura dell’Unione Nazionale Consumatori e distribuita gratuitamente dalle Agenzie di Viaggio aderenti alla Fiavet, passa in rassegna 24 patologie, ritenute le più ricorrenti, dall’allergia alla distorsione, dal bruciore di stomaco al mal di denti, dalla stipsi al più frequente disturbo intestinale che “immancabilmente” colpisce il viaggiatore, spiegando in modo semplice e chiaro cosa sono, come si manifestano e come si curano. Non mancano neppure alcuni consigli utili sulle vaccinazioni eventualmente richieste e sui documenti che dovrebbero sempre accompagnare il turista. Una cinquantina di pagine in tutto, estremamente utili, da leggere prima e da mettere in valigia poi.
“Da qualche tempo, ha concluso Antonio Tozzi, presidente della Fiavet, molti viaggiatori, anche su suggerimento dell’Agente di Viaggio che non di rado la offre compresa nel pacchetto, hanno preso la sana abitudine di sottoscrivere, prima di partire, una polizza assicurativa che, magari, contempla in caso di necessità il rimpatrio con un aereo-ambulanza, ma non una innocua slogatura della caviglia. Questa guida ha invece per scopo proprio quello di fornire semplici ma utili suggerimenti per far fronte alle piccole emergenze di salute, quelle cioè più comuni e ricorrenti, facilmente superabili, ma non per questo meno antipatiche e noiose”.

News Correlate