giovedì, 25 Febbraio 2021

Presentata “La via dei Parchi”

Il progetto pilota coinvolge Madonie, Alcantara, Etna e Nebrodi

E’ stato presentato, ieri, al Castello Utveggio di Palermo il progetto pilota “La via dei Parchi” che coinvolge le quattro aree di parco della Sicilia (Madonie, Alcantara, Etna, Nebrodi).
“E’ un progetto sperimentale – ha detto Simona Vicari, Sindaco di Cefalù, aprendo i lavori del convegno – che nasce per far conoscere al meglio tutta la storia della Sicilia, cogliendo lo spirito della programmazione territoriale in un approccio moderno con il mercato e in una nuova ottica di marketing territoriale”.
Il nuovo prodotto “La via dei Parchi” nasce infatti intorno ad una direttrice la “statale 120” scelta come elemento di collegamento tra i vari territori dei parchi siciliani segnando un percorso che passa attraverso le aree interne, poco conosciute ma ricche di risorse, storia e tradizione, e che collega i due poli turistici a maggiore visibilità Cefalù e Taormina. “Il risultato che tentiamo di raggiungere – ha sottolineato la parlamentare regionale – è quello di creare un prodotto turistico assolutamente credibile con una grande attrattività, che costituisce il momento più significativo di tutto quello fatto come programmazione all’interno dello stesso e dove il valore aggiunto deriva dalla messa a sistema del mondo imprenditoriale con l’azione degli attori pubblici”.
“La via dei parchi” coinvolge 85 comuni nel territorio dei parchi dove vivono 750 mila persone. I settori d’intervento sono la filiera agroalimentare e quella turistica. Il progetto parte dalla formazione non di chi cerca lavoro ma di chi lo crea quindi degli imprenditori che saranno seguiti per 18 mesi. L’iniziativa è coordinata dall’Itas Europrojects di Roma, guidata da Dario Cipolla, in Ati con Epf, Isvor Fiat e Start s.r.l. Ha ottenuto un finanziamento di 500 mila euro dal Ministero del Lavoro attraverso lo strumento del Pon- Atas (Programma Operativo nazionale) sulla formazione per la qualificazione delle figure coinvolte nel settore turistico locale.
Oltre ai comuni sono coinvolte 250 imprese che fanno parte di tre patti territoriali (delle Madonie, Simeto Etna e Jonico Etneo) e del contratto di Programma di Trapani, gli stessi soggetti responsabili dei Patti, gli enti istituzionali che operano nel settore (fra cui le Aapt). Nelle quattro aree del progetto sono stati preparati dei pacchetti turistici che registrano la partecipazione di 60 operatori turistici. I pacchetti saranno presentati alla prossima Bit di Milano.

News Correlate