venerdì, 15 Gennaio 2021

Ragusa, ambientalisti contro il Donnafugata Resort

Assessore Turismo, “Mi batterò per non bloccare la nuova struttura di NH Hotel”

A Ragusa sabato pomeriggio un gruppo di ambientalisti ha organizzato un sit-in di protesta davanti all’hotel Kastalia. La struttura che sarà ristrutturata, trasformata e ampliata per diventare il “Donnafugata Resort”, sarà realizzata dal gruppo NH Hotel che possiede e gestisce nel mondo 39 alberghi a 5 stelle. E a 5 stelle sarà il “Donnafugata Resort”, megastruttura con tre campi da golf, un centro ippico, piscine, campi da tennis, centri congressi e di benessere. L’investimento, inserito nell’accordo di programma Regione-Ministero Attività produttive, è pubblico-privato e ammonta a 41 milioni complessivi. La Regione ha approvato in proposito un contratto di localizzazione. Ma secondo gli ambientalisti, che hanno presentato un esposto in Procura, il progetto avrà effetti devastanti sull’assetto del servizio idrico nella zona. Inoltre la nuova struttura in parte ricadrebbe nell’area della riserva naturale orientata “Pini d’aleppo” di Vittoria e nel Sic, un sito di interesse comunitario. Replica duramente l’assessore al turismo del Comune di Ragusa Giovanni Occhipinti, insediatosi pochi giorni fa, che è anche direttore dell’hotel Kastalia: “Non c’è alcun rischio per le risorse idriche in quanto la struttura sorgerà in una zona in cui non c’è carenza d’acqua, inoltre è fuori dalla riserva. E’ vero che ricadrà semmai nel Sic, ma è possibile usare le opportune cautele e contromisure necessarie. Non vorrei che dietro questa denuncia ci fossero interessi di altre province per dirottare l’investimento. Mi attiverò – ha concluso Occhipinti – affinché la realizzazione della struttura da parte del gruppo NH Hotel non venga bloccata”.

News Correlate