mercoledì, 19 Giugno 2024

Regime commissionale di Trenitalia nel mirino

Stravolto, per la Fiavet, il rapporto commerciale

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato diffuso dalla Fiavet nazionale:
“Abusando della sua posizione monopolistica, Trenitalia sta stravolgendo anche le più elementari norme di un corretto rapporto commerciale”. E’ quanto ha dichiarato il Presidente della Fiavet, Antonio Tozzi, in merito alla decisione di Trenitalia di rivedere il contratto di affidamento della vendita di biglietteria ferroviaria da parte delle Agenzie di Viaggio.
“Con O.S. n. 3 del 25.3.2003, notificato alle Agenzie di Viaggio il successivo 27 marzo, continua Tozzi, la Divisione Passeggeri di Trenitalia S.p.A., ha comunicato di aver modificato, abbassandolo, il regime commissionale ed ha intimato alle stesse Agenzie di far pervenire entro sette giorni dal ricevimento della nota, l’accettazione delle nuove clausole, pena la risoluzione del rapporto posto in essere con la Società a decorrere dal 30.4.2003. La Federazione ha già dato mandato ai propri legali di impugnare il provvedimento di Trenitalia ritenendolo improponibile sia nella forma che nella sostanza”.
La Fiavet, tra l’altro, lamenta il fatto che la scelta di Trenitalia, assolutamente unilaterale, è stata assunta senza tenere minimamente in considerazione le richieste da tempo avanzate dalla Federazione, e ribadite in recenti incontri, con un preavviso incongruo e l’utilizzo di espressioni che denotano una volontà prevaricatrice nel rapporto con le Agenzie. Tra le altre questioni, è rimasta totalmente disattesa la precisa richiesta formulata dalla Fiavet di abrogare l’articolo contrattuale relativo al divieto di percepire compensi per la confezione dei titoli di trasporto.
“Per questo e per altri motivi, ha detto ancora il Presidente Tozzi, abbiamo invitato tutti i nostri associati di sospendere immediatamente l’invio della lettera controfirmata per accettazione. Contestualmente abbiamo invitato Trenitalia di rivedere, in un equilibrato rapporto di costruttiva e leale collaborazione, le norme contrattuali attualmente in vigore, nella considerazione, tra l’altro, che su molte operazioni inerenti l’emissione della biglietteria ferroviaria e svolte per conto di Trenitalia, le Agenzie non percepiscono alcuna remunerazione.”

News Correlate