domenica, 24 Ottobre 2021

Rutelli: “Tornare a essere primi nel mondo”

Collaborazione con le Regioni, scali di provincia e nuovo attracco in Sicilia

Tornare a essere leader nel mondo come negli anni ’70, quando l’Italia occupava il primo posto nel settore turistico. Questo l’obiettivo dichiarato di Francesco Rutelli, vice premier con delega al turismo, che ieri nel corso di un convegno sul turismo organizzato da Glocus, ha ricordato come il mercato turistico mondiale cresca del 10% all’anno, ma solo del 5% in Europa e dell’1% scarso in Italia. Per riportare i numeri agli alti livelli raggiunti nei decenni scorsi Rutelli è convinto che è necessario “intraprendere una collaborazione operosa con le Regioni. Abbiamo iniziato a lavorare alla grande, vogliamo togliere di mezzo ogni motivo di rivalità”. Inoltre, per Rutelli si deve puntare al turismo culturale, migliorare alcuni aeroporti di provincia come quelli di Foggia, Pontecagnano, Comiso, Crotone, e creare un attracco adeguato per le navi da crociera ad Agrigento. D’accordo con il vice premier il ministro degli Affari Regionali, Linda Lanzillotta, secondo cui “La sfida è coniugare l’autonomia e il federalismo, alla competitività e alla crescita. Il nostro assetto attuale, che può dirsi federalista – ha spiegato Lanzillotta – rappresenta oggi da una parte un elemento di forza, perché valorizza il territorio, le ‘mille Italie’, dall’altro una grande debolezza. Come spesa per la promozione siamo quasi alla pari della Francia ma la promozione viene svolta da 7-8 enti diversi”.

News Correlate