venerdì, 18 Settembre 2020

Sardegna, Antitrust: aprire ai vettori low cost

Ma la Regione difende la continuità territoriale

Rendere più semplice per le compagnie low cost l’ingresso nel mercato del trasporto aereo da e per la Sardegna. E’ quanto richiesto dall’Antitrust nella segnalazione inviata al ministero dei Trasporti. L’Autorità sottolinea infatti che l’apertura delle tratte alle compagnie ‘no frills’, oggi obbligate ad accettare tutti gli oneri derivanti dall’obbligo di servizio pubblico, garantirebbe un risparmio per i viaggiatori. “Il divieto implicitamente opposto alle società low cost di volare su rotte da e per la Sardegna, se non accettano gli obblighi di servizio pubblico nella loro interezza – afferma il Garante – attualmente può creare un danno persino agli utenti agevolati che potrebbero godere di tariffe low cost inferiori a quelle agevolate”. Ma la posizione della Regione resta chiara: nessun passo indietro e difesa della Continuità territoriale con i collegamenti aerei da e per la Sardegna. “Noi difendiamo questo modello di continuità territoriale – ha spiegato l’assessore regionale dei Trasporti, Sandro Broccia -perché è quella a cui siamo arrivati tenendo conto dei regolamenti Comunitari e delle leggi dello Stato. Quando regolamenti e leggi cambieranno, siamo pronti ad adeguarci”.

News Correlate