sabato, 5 Dicembre 2020

Scalo Palermo, Enac avvia indagine su disservizi

Riggio: “A prima vista inefficienze dovute ad altri aeroporti”

Una serie di disservizi verificatisi nei giorni scorsi all’aeroporto di Punta Raisi ha portato il presidente dell’Enac, Vito Riggio, ad incaricare la direzione aeroportuale di Palermo perchè venisse avviata un’indagine approfondita. L’Enac, comunque, sottolinea, come da una prima ricostruzione di fatti, “tali disservizi non sono stati originati dall’aeroporto di Palermo, ma da altri aeroporti”. “L’indagine – prosegue l’Enac – dovrà valutare non solo il verificarsi dei fatti, ma anche l’eventuale avvio di procedimenti sanzionatori agli operatori coinvolti nei disservizi”. A tal proposito, Riggio rinnova il richiamo a tutto il settore “ad aumentare i presidi e le azioni di competenza per permettere sicurezza, regolarità ed efficienza del trasporto aereo anche durante i picchi di traffico del periodo estivo”. I disagi, secondo quanto riporta il Giornale di Sicilia, riguardano l’attesa di circa 8 ore per una ragazza in coma prima di essere imbarcata su un volo Meridiana per Verona, dovuta alla mancanza dell’apposita barella che doveva arrivare dalla città scaligera. Il secondo ‘caso’ riguarda la mancata riconsegna dei bagagli di circa 40 passeggeri che hanno effettuato il collegamento Torino-Palermo, con scalo a Roma. Il terzo disservizio riguarda l’arrivo con un ritardo di circa un’ora di un volo da Roma, da dove l’aereo sarebbe partito 50 minuti dopo la tabella di marcia mentre altri 10 minuti si sarebbero cumulati per l’attesa del mezzo interpista che accompagna i passeggeri dall’aereo fino all’aerostazione.

News Correlate