martedì, 22 Giugno 2021

Scioperi, Il Turismo si ferma il 6 dicembre

Nelle zone interessate da festività la protesta slitta al 9 dicembre

Una giornata di sciopero nazionale per l’intero settore del turismo è stata proclamata per il 6
dicembre dalle segreterie nazionali Filcams, Fisascat e Uiltucs. Nelle zone interessate a festività, come per esempio Milano con Sant’Ambrogio, l’astensione dal lavoro e’ spostata al 9 dicembre. Motivo dello sciopero – spiegano i sindacati – la valutazione negativa delle trattative su tutti i tavoli di confronto, inclusi Federturismo e Confesercenti. “Nonostante alcune diversità, anche rilevanti – sottolineano i sindacati -, entrambi i documenti rappresentano un tentativo di ridurre la possibilità di intervento sindacale soprattutto nel secondo livello contrattuale e nel contempo sono lontani da risposte positive alla domanda posta con forza al tavolo delle trattative: produrre soluzioni che dopo 10 mesi dalla scadenza
del Ccnl permettano di costruire una rapida e condivisa conclusione alla vertenza”. Inoltre viene ritenuta
“particolarmente negativa la volontà delle controparti di peggiorare le condizioni dell’attuale contratto”.
Le trattative per il rinnovo del Contratto nazionale di lavoro del turismo si sono svolte – riferiscono i sindacati – nel giorni 5, 6 e 7 novembre, rispettivamente con le associazioni datoriali aderenti Confturismo-Confcommercio, Aica-Confindustria, Confesercenti.

News Correlate