martedì, 30 Novembre 2021

Sicilia-Normandia, pronti a decollare gli scambi turistici

Viking Voyages, prosegue a gonfie vele il gemellaggio. A novembre i francesi in Sicilia

Conto alla rovescia per l’arrivo di una prima delegazione di operatori turistici, imprenditori alberghieri e ristoratori della Normandia che ricambieranno la visita, appena conclusa, dei gemelli siciliani, ospitati in terra francese nei giorni scorsi. Un gruppo di ristoratori ed imprenditori alberghieri siciliani, infatti, ha partecipato ad un progetto lanciato dalla Vikings Voyages di Lisieux: il progetto prevede tre fasi con una visita dei siciliani in Normandia; il “ricambio” della visita di cortesia con la presenza dei Normanni nell’Isola nel novembre prossimo e, infine, l’avvio degli scambi turistici veri e propri. Fra gli alberghi siciliani rappresentati, l’Hotel Scrivano di Randazzo (capofila del progetto), Castello San Marco (Calatabiano-Taormina), Park Hotel Paradiso (Piazza Armerina), Hotel Kalura (Cefalù): a questi potrebbero aggiungersi anche altri operatori. Fra i luoghi visitati dai siciliani, Mont Saint Michel vera e propria “Meraviglia d’Occidente”, una abbazia che sorge su un isolotto sospeso, a causa delle maree quotidiane, fra il cielo e la terra. Ed ancora, le spiagge dello sbarco alleato, la regione del Calvados, gli allevamenti di cavalli da traino e da tiro con le stazioni di monta, il fiorente mercato che ruota attorno alla mela ed ai vari distillati del “pomo”. Fattorie ed animali, ospitalità dei residenti, monumenti davvero pregevoli, grande rispetto per l’ambiente e cura speciale per gli spazi aperti: questo ed altro ancora hanno colpito il gruppo di albergatori siciliani che hanno soggiornato in puro stile “gemellaggio” presso albergatori normanni dislocati nelle quattro province della regione. “Pensiamo di poter dare un impulso nuovo a questa forma di turismo – commenta lo chef Salvatore Scrivano – che associa ai contenuti culturali ed ambientali percorsi enogastronomici all’insegna della qualità e dei prodotti tipico-locali”. A novembre arriveranno dunque in Sicilia i Normanni e gli imprenditori isolani si augurano che l’avvio di questi scambi possa rivitalizzare il mercato turistico e favorire l’apertura di nuovi mercati. Fra i luoghi simbolo che i francesi visiteranno, Taormina, l’Etna, il bacino dell’Alcantara, le cittadine normanne con in testa Troina, Cefalù e Randazzo ed i tre parchi regionali, ossia quello dell’Etna, dei Nebrodi e dell’Alcantara.

News Correlate