martedì, 29 Settembre 2020

Stampa estera/2: Caltagirone piace più di Taormina

L’entroterra siculo preferito alle rinomate località marine

L’entroterra siciliano è la meta turistica più celebrata dalla stampa estera, superando Taormina, scivolata all’ 8/a posizione, e Cefalù. Secondo la stampa straniera a far apprezzare agli stranieri il cuore della Sicilia sono il clima favorevole e le tante attrattive culturali, dai templi greci alle basiliche bizantine, dalle costruzioni normanne alle fantasie moresche. I tipici villaggi montani e le poco conosciute cittadine dell’ entroterra dell’ Isola superano così le più tradizionali e rinomate Taormina e Cefalù, conquistando i gradini più alti della speciale top-ten delle località siciliane più acclamate dai giornali esteri. Dopo la consolidata leadership di Palermo, considerata dal quotidiano britannico The Independent “uno dei luoghi fondamentali del Grand Tour”, che mantiene la prima posizione con il 20% delle citazioni, si collocano località solitamente escluse dai percorsi turistici tradizionali: al secondo posto, infatti, si piazza Caltagirone, in provincia di Catania, con il 16% delle citazioni, definita dall’ International Herald Tribune “la capitale delle ceramiche”. Al terzo posto, con il 12% delle citazioni, si posiziona Castelmola, in provincia di Messina, celebrata dal quotidiano russo Kommersant “per le strettissime stradine in pietra e per l’unicità delle sue specialità, come ad esempio il vino con l’aggiunta di mandorle o di arance”. Il quotidiano francese Le Figaro premia invece i comuni di Caltavuturo e Roccamena, in provincia di Palermo, (che raggiungono la quarta e quinta posizione rispettivamente con il 9 e il 8% di citazioni) “dove si trovano i reperti archeologici più sensazionali della civiltà greca”. Segue con il 7% Ragusa, considerata destinazione chic dal quotidiano spagnolo La Vanguardia grazie “all’apertura di un nuovo hotel a cinque stelle: Donnafugata, dotato di 170 stanze e un centro di 4.000 metri quadri con campi da golf e spa”. Settima, a pari merito con Ragusa, si posiziona Siracusa, anch’essa rivalutata grazie alla riapertura del Grand Hotel Des Etrangers, elogiato dal mensile GQ “per la sua spiaggia privata e l’incredibile posizione tra le rovine greche e romane”. Scivola in ottava posizione Taormina (6% delle citazioni), ormai stranota per il suo teatro greco. Chiudono la speciale classifica le isole al largo della costa siciliana. Ottiene il 9/o posto, con il 5% di citazioni, Marettimo, particolarmente apprezzata dal britannico The Guardian per essere “la meno affollata delle isole Egadi”. Al decimo posto, con il 4%, si colloca Lipari, nelle Eolie, “situata in uno scenario paesaggistico stupefacente” secondo il francese Le Nouvel Observateur.

News Correlate