martedì, 22 Settembre 2020

Tornano le Giornate europee del Patrimonio

Sabato e domenica musei e siti gratis. Centinaia di iniziative in tutta Italia

Arte, archeologia, danza, concerti, percorsi guidati sulle orme della storia. Ma anche itinerari eno
gastronomici, musei e laboratori per bambini. Sabato e domenica 23 e 24 settembre tornano le Giornate Europee del Patrimonio. Il tema di quest’anno, il ‘patrimonio venuto da lontano’, coinvolge centinaia di iniziative dal Trentino alla Sicilia con ingressi gratuiti nei musei e nei siti archeologici statali. Cultura e spettacolo per tutti, sottolinea il ministro dei Beni Culturali Rutelli, in due giornate “che serviranno per riappropriarci di ciò che ci appartiene: la nostra storia, le nostre radici, il nostro folklore. Abbattendo quelle barriere emotive e materiali che troppo spesso ci fanno distogliere lo sguardo dal nostro passato e quindi dalla ricchezza che ha origine e sostanza nella nostra storia nazionale”. E se l’Italia, come ricorda ancora il ministro, ricopre nell’ambito dell’iniziativa europea un posto certamente speciale grazie proprio ai tanti beni culturali che ne fanno una sorta di ‘Museo a cielo aperto’, sono veramente un’infinità quest’anno, dai paesini alle metropoli, le proposte per un weekend da dedicare ai musei e ai percorsi archeologici, ma anche alla riscoperta delle bellezze nascoste e ritrovate, dei restauri, dei castelli, delle curiosità, delle testimonianze storiche di cui sono ricche tutte le nostre regioni. L’elenco delle possibilità, quasi infinito, prosegue anche in Europa, con la Svizzera che punta su Giardini, cultura, poesia. L’Ungheria che lancia una mostra sull’architettura del realismo socialista e la Federazione Russa che organizza un seminario sui Valori del Patrimonio Culturale d’Europa. Tutte le informazioni sul sito del Mibac, riportato di seguito.

News Correlate