giovedì, 4 Marzo 2021

Trasporto aereo, Bruxelles valuterà se introdurre nuova tassa carburante

Servirebbe a finanziare gli aiuti alla cooperazione e allo sviluppo

L’idea di introdurre una tassa sul combustibile degli aerei allo scopo di finanziare gli aiuti alla cooperazione e allo sviluppo, caldeggiata in particolare dalla Germania, sara’ discussa nella prossima riunione dell’Ecofin, giovedi’ a Bruxelles. Lo hanno rilevato fonti della presidenza di turno della Ue, precisando che la discussione avverra’ nell’ambito del resoconto sui risultati della riunione del G7 a Davos, dove la questione e’ stata sollevata.
La Commissione insiste affinche’ la Ue rispetti l’impegno assunto a Monterey di portare entro il 2015 allo 0,7% del Pil europeo il livello del contributo all’aiuto e allo sviluppo. Attualmente, il livello e’ allo 0,39%. L’obiettivo e’ di farlo salire allo 0,42% nel 2006 e allo 0,51% nel 2010 per arrivare progressivamente alla soglia di Monterey. La media nasconde differenze sostanziali tra un paese e l’alto: la Danimarca, ad esempio, e’ allo 0,84%, mentre l’Italia e’ allo 0,17%. La Germania destina all’aiuto e allo sviluppo lo
0,28% del Pil nazionale. La media dei nuovi dieci paesi della Ue, quelli entrati il primo maggio dello scorso anno, e’ dello 0,17%. La proposta di introdurre una nuova tassa sul combustibili degli aerei ha gia’ suscitato la dura reazione delle compagnie aeree europee, preoccupate per l’aumento dei costi e gli effetti
sulla competitivita’.

News Correlate