mercoledì, 19 Giugno 2024

Trasporto aereo, scattano le nuove regole a tutela del passeggero

Astoi, da oggi vengono equiparati voli di linea e charter, inclusi i pacchetti tutto compreso

Arrivano risarcimenti piu’ consistenti per i casi di overbooking e nuove tutele per i passeggeri di voli charter.
E’ entrato in vigore oggi il nuovo regolamento europeo sui diritti degli utenti del trasporto aereo, la cui applicazione in Italia verra’ garantita dall’Enac. Ed infati proprio oggi l’ente dell’aviazione civile italiana ha organizzato la nuova ‘Giornata dei Diritti del Passeggero’ con la distribuzione, in 34 aeroporti nazionali, di 55.000 copie della nuova Carta dei Diritti.
In pratica da oggi i passeggeri che utilizzano il mezzo aereo avranno tutele piu’ ampie, a partire dall’ aumento della compensazione dovuta dai vettori in caso di negato imbarco per sovraprenotazione. Con le nuove regole vengono anche introdotte forme di compensazione ed assistenza a favore del passeggero in caso di cancellazione del volo e lunghi ritardi ed estese queste tutele anche ai passeggeri dei voli charter e dei voli domestici. La Carta dell’Enac contiene anche informazioni sui principali codici identificativi di tasse e corrispettivi
riportati sul biglietto aereo o sui sistemi di controllo per la sicurezza del trasporto aereo. Soddisfatta l’Astoi. ‘Innanzitutto’ rileva Alberto Corti, direttore generale ASTOI, ‘le nuove norme si estendono non solo al caso di negato imbarco, al vero e proprio overbooking aereo, ma anche alla cancellazione ed al ritardo prolungato, ampliando sensibilmente la tutela del viaggiatore, anche con un incremento della compensazione pecuniaria prevista per le prime due fattispecie’. ‘Ma la differenza piu’ significativa’ commenta il direttore generale dell’associazione ‘risiede pero’ nella piena equiparazione tra voli di linea e voli charter, anche inclusi in pacchetti turistici tutto compreso, gia’
disciplinati dalla Direttiva Comunitaria 90/314 e dal d.lgs. 111/95 in Italia’. ‘Con questo nuovo impianto normativo, sollecitato ed espressamente richiesto da ASTOI in sede di lavori preparatori del regolamento’ prosegue Alberto Corti ‘si supera una dicotomia obsoleta e si individuano obblighi e responsabilita’ anche dei vettori charter, coinvolgendoli, oltre che nel risarcimento, anche nell’assistenza all’utenza coinvolta nel disagio’. ‘Finalmente quest’area di intervento’ conclude Corti ‘non sara’ piu’ prerogativa esclusiva dei tour operator’.

News Correlate