mercoledì, 27 Ottobre 2021

Trasporto aereo: World Travel Monitor, nel 2004 +7% di traffico

Secondo lo studio Bulgaria e Croazia sono state le migliori quest’anno

Il World Travel Monitor, in un rapporto realizzato in associazione con la società di ricerca IPK International, reso noto ieri a Londra, prevede che le linee aeree del mondo subiranno un crollo delle entrate per 3 miliardi di sterline, circa 4,5 miliardi di euro, quest’anno, ma che il prossimo anno il traffico dovrebbe crescere del 7%. Le destinazioni preferite dovrebbero essere quelle della regione Asia Pacifico, al primo posto, seguite da quelle europee. Malgrado la forte caduta di entrare, secondo il Monitor, il settore aereo dovrebbe comunque finire il 2003 ”su una nota leggermente più positiva rispetto agli anni recenti”. Ciò sarebbe dovuto anche al fatto che le compagnie aeree ”hanno imparato a gestire meglio le crisi e a controllare la capacità”. Ripresa prevista anche per la domanda di viaggi ‘business’, anche se saranno le compagnie aeree a basso costo a beneficiare maggiormente del previsto aumento di traffico. La ripresa per il settore dei viaggi e del turismo è cominciata già alla fine di agosto, si osserva nel rapporto, e le prospettive per l’ultima parte del 2003 sono buone anche se ”c’è ancora molta strada da fare”. La Bulgaria e la Croazia sono stati alcuni dei paesi che hanno registrato la maggiore crescita in Europa, mentre destinazioni più tradizionali come l’Italia, la Spagna e il
Portogallo sono rimaste ”più o meno stagnanti”. Se è vero
poi che le preoccupazioni sulla sicurezza permangono, secondo il Monitor, ”è chiaro che la gente si sta abituando a vivere in un mondo insicuro… La domanda turistica e’ infatti rimbalzata assai più velocemente, dopo i recenti attacchi terroristici”. Quanto ad Internet, lo studio prevede che ci dovrebbe essere un forte incremento delle prenotazioni e dei progetti di viaggi on line.

News Correlate