giovedì, 2 Febbraio 2023

Treni, Bruxelles vuole la liberalizzazione entro il 2010

Con il terzo pacchetto ferroviario più diritti per i passeggeri

La Commissione Ue prevede di approvare oggi una direttiva per liberalizzare le linee ferroviarie internazionali dei passeggeri entro il 2010. La proposta di Bruxelles punta all’apertura del settore alla concorrenza, così come già previsto nel settore del trasporto merci a partire del 2006. La direttiva fa parte del ‘terzo pacchetto ferroviario’ allo
studio a Bruxelles, e che include una serie di diritti a favore dei passeggeri, quali rimborsi in casi di incidenti, di perdita dei bagagli, di considerevoli ritardi o di cancellazione dei viaggi. Fra gli obiettivi della Commissione Ue c’è quello di arrivare ad un mercato unico del trasporto ferroviario, dando allo stesso tempo più dinamismo a un settore – quello delle linee internazionali – che rappresenta solo una parte marginale (il 10%) del totale del traffico passeggeri all’interno dell’Ue, il cui giro d’affari annuo è pari a 2,4 miliardi di euro. Si tratta di ”un mercato non omogeneo, e cioè molto frammentato”, sostengono gli esperti di Bruxelles, precisando che ”alcuni tipi di servizi internazionali, quali i viaggi notturni, stanno subendo una vera e propria emorragia, come conferma la cancellazione di alcune tratte, tra le quali la Milano-Bruxelles e la Vienna-Amsterdam”. In futuro – aggiungono gli esperti – si punta comunque ad un ”raddoppio delle interconnessioni (dagli attuali 2.600 km. a 6.000 km. nel 2010), fatto che dovrebbe aprire nuovi e interessanti mercati”.

News Correlate