domenica, 27 Settembre 2020

Tunisia, 2004 da record

Da gennaio ad agosto +25% di italiani e +30% solo in Sicilia

La Tunisia si avvia ad archiviare un 2004 da record, soprattutto per quel che riguarda il mercato italiano. Nei primi otto mesi dell’anno l’incremento delle presenze è stato del 25% e secondo le rilevazioni dell’Ontt il 2004 si dovrebbe chiudere con una quota di 430.000 turisti italiani. E una buona fetta di questo mercato è rappresentata dalla Sicilia, che ha fatto registrare un incremento addirittura superiore (+30%) e che dovrebbe chiudere il 2004 con 50.000 presenze. Un aumento che evidenzia la simbiosi esistente a tutti i livelli fra Tunisia e Italia, motore della crescita del turismo nel Paese nordafricano. Negli ultimi anni, infatti, i dati relativi ai turisti italiani hanno registrato una crescita costante, ma a confermare che il 2004 sarà un’annata da ricordare in generale ci hanno pensato i turisti tedeschi e inglesi, che nelle scorse stagioni avevano disertato la destinazione e che quest’anno sono tornati ad affollare un po tutte le mete tunisine. Per quanto riguarda il mercato francese, ad esempio, l’Ontt stima di chiudere l’anno con un milione di presenze. Ma qual è il segreto del successo? “Il segreto è la serenità e la sicurezza che offre oggi la Tunisia – ha spiegato Raouf Jomni, rappresentante in Italia dell’Ente Nazionale Tunisino per il Turismo – unite a un rapporto qualità-prezzo eccezionale e al fatto che siamo riusciti a diversificare l’offerta: dal golf alla talassoterapia, dall’archeologia al prodotto mare. Per cui tutto l’anno c’è un buon motivo per visitare la Tunisia.
Ma non va dimenticata l’attività di compagnie come la Tuninter, che hanno contribuito a questo successo con una serie di collegamenti diretti sulle destinazioni più apprezzate”.

News Correlate