mercoledì, 3 Marzo 2021

Ue, la presidenza irlandese punta sui trasporti

Liberalizzazione delle ferrovie e inquinamento marino tra i punti

La presidenza irlandese dell’Ue, partita dal 1° gennaio, dedica un capitolo del suo programma operativo anche al settore dei trasporti.
L’Irlanda, infatti, intende puntare su misure settoriali atte a stimolare la crescita nell’Unione allargata, cooperando quindi con il Parlamento europeo verso l’adozione di proposte aggiornate sulle Reti Transeuropee, su cui si è recentemente raggiunto un accordo nell’ambito del Consiglio dei ministri europei.
Continuerà ad impegnarsi altresì sulla liberalizzazione di settori-chiave come quello ferroviario promuovendo inoltre meccanismi di incentivazione di alternative al trasporto su strada, ove possibile.
Per quanto riguarda il settore dell’aviazione civile, la Presidenza tenterà di realizzare progressi a livello comunitario, in particolare nella negoziazione con gli USA ed altri Paesi terzi di accordi nel trasporto aereo. Intende anche lavorare per completare il quadro normativo relativo all’istituzione del Cielo Unico Europeo.
Per quanto riguarda il settore del trasporto marittimo, la nuova gestione semestrale irlandese intende impegnarsi su misure finalizzate a ridurre l’inquinamento marino con l’introduzione di adeguate sanzioni per i responsabili di atti d’inquinamento.

News Correlate