mercoledì, 24 Febbraio 2021

Ue, procedura contro l’Italia per le guide straniere

Alla messa in mora potrebbe seguire il ricorso alla Corte di Giustizia

La Commissione Ue ha inviato alle autorità italiane una lettera di messa in mora relativa alle possibilità di lavoro delle guide turistiche straniere. Lo ha annunciato il portavoce Jonathan Todd. Una delle questioni che Bruxelles intende chiarire è se l’utilizzo ”molto ampio” della definizione di sito storico attribuita alla maggioranza delle città italiane non rappresenti un ostacolo per limitare le possibilità di lavoro di guide turistiche provenienti da altri paesi. Nelle città definite siti storici, infatti, possono operare solo guide specializzate. ”Vogliamo accertare se questa definizione molto ampia viene
usata volutamente per favorire il lavoro delle guide turistiche italiane”, ha detto il portavoce. Dal ricevimento della lettera, l’Italia ha due mesi di tempo per rispondere. La messa in mora rappresenta la prima procedura di infrazione, che potrebbe portare anche ad un ricorso alla Corte di giustizia.

News Correlate