martedì, 25 Giugno 2024

United Airlines, uscita dalla bancarotta rimandata

La seconda compagnia americana non ce la farà entro il 30 giugno

La compagnia aerea United Airlines, seconda per importanza negli Stati Uniti, si appresta a comunicare alla corte fallimentare di Chicago la sua incapacità a uscire dalla bancarotta in cui è caduta nel dicembre 2002 e dalla quale aveva stimato di riemergere entro il prossimo 30 giugno.
Secondo quanto ripreso dalla stampa americana, a complicare
i piani della società – intenzionata anche a chiedere una
estensione di 30-60 giorni della tutela dalla concorrenza in
scadenza il prossimo 8 aprile – una serie di problemi di natura generale. Dall’impennata dei costi per il carburante, ai ritardi in Congresso per l’approvazione delle norme destinate a rendere meno pesante il fardello pensionistico per le aziende del settore, fino alla decisione del governo, ancora pendente, sulla richiesta avanzata da United Airlines di un prestito da 1,6 miliardi di dollari. In amministrazione controllata dalla fine del 2002, l’azienda aveva stimato di uscire dal fallimento dopo 15 mesi, all’inizio di questa estate: adesso, le prospettive sono per una emersione
sul finire della stagione calda.

News Correlate