domenica, 27 Settembre 2020

Vaticano: il turismo per spiegare la cristianità

Ma serve più collaborazione tra conferenze episcopali, imprese e TO

Per dare impulso ai valori di cristianità il Vaticano mette a punto una strategia globale per “annunciare Cristo” ai turisti che vengono in Europa a visitare chiese, musei e monumenti storici. Lo ha annunciato il cardinale Renato Raffaele Martino, presidente del Pontificio Consiglio Giustizia e Pace, aprendo i lavori della riunione “Il turismo una realtà trasversale: aspetti pastorali” che ha coinvolto tutti i direttori nazionali che si occupano della pastorale del turismo in Europa. A fornire un ventaglio di suggerimenti operativi per accogliere i turisti ed evangelizzarli è arrivata la proposta di Monsignor Agostino Marchetto, segretario del pontificio consiglio della pastorale dei migranti ed itineranti, secondo il quale è opportuno incoraggiare “lavori di ricerca sulle parrocchie turistiche, sul materiale liturgico offerto, sui cataloghi e le guide per la preparazione del patrimonio artistico e religioso interessato”. Non bisogna, dunque, “limitarsi ad offrire informazioni superficiali come a volte fanno le agenzie turistiche ma mettere i cristiani in grado di comprendere meglio la propria e altrui esperienza religiosa. Naturalmente – ha sottolineato Marchetto – mettendo alla base di tutto, il dialogo, specialmente se gli interlocutori appartengono ad altre religioni e tradizioni culturali”. Inoltre, secondo Marchetto, occorre una maggiore collaborazione tra le conferenze episcopali, l’iniziativa privata, le imprese e i tour operator.

News Correlate