giovedì, 25 Febbraio 2021

Venezia, il decalogo dei buoni consigli

La “Carta del turista” è stata realizzata in collaborazione fra il Comune e gli operatori

Un decalogo di buoni consigli per chi visita Venezia, per facilitarne il soggiorno, ma anche per invitarlo a comportamenti non in contrasto con il decoro e il rispetto della città: è la ”Carta del Turista”, promossa dall’assessorato al Turismo del Comune di Venezia, in collaborazione con gli operatori cittadini del settore.
L’iniziativa si affianca all’affissione di una dozzina di cartelli nella zona di San Marco per ricordare i divieti vigenti in materia di pic-nic sui gradini, abbandono dei rifiuti e abbigliamento balneare. Nella ”Carta del Turista” si ricorda che Venezia non è solo San Marco, che nelle calli strette va sempre tenuta la destra, che non si deve sostare sui ponti e che nei vaporetti è meglio posare a terra gli zaini. Al turista si suggerisce inoltre di utilizzare la Venice Card per i vantaggi che offre, di servirsi solo di servizi e mezzi autorizzati, di informarsi sempre preventivamente sulle tariffe applicate, di diffidare degli abusivi e di fare attenzione ai borseggiatori. Consigli anche sull’acqua alta, sugli itinerari per disabili, sulla possibilità di far reclami. ”Con 12-15 milioni di turisti all’anno e le inevitabili tensioni che ne derivano – ha detto il sindaco Paolo Costa alla
presentazione del decalogo – si tratta di contemperare controllo e accoglienza, informando e coinvolgendo i visitatori in modo da persuaderli a tenere certi comportamenti. Anche se la buona educazione deve essere di tutti, di chi trova nel turismo una risorsa e non solo del visitatore”.

News Correlate