venerdì, 18 Settembre 2020

Viaggi dell’Elefante, bilancio ricco con minidollaro

Maldive e Seichelles vanno a ruba, seguono Caraibi e sud est asiatico

Maldive e Seichelles segnano già il tutto esaurito ma vanno bene anche Caraibi e sud est asiatico: il supereuro? Avvantaggia l’outgoing verso le aree dollaro.
Parola di Enrico Ducrot, amministratore delegato dei Viaggi dell’Elefante. ”In questo periodo di euro forte, l’outgoing – commenta Ducrot, durante la presentazione del catalogo ‘Blu’, lussuosa mappa dei mari da vivere – è avvantaggiato proprio verso quelle che possono definirsi aree dollaro: dalle Maldive ai Caraibi, dalle Seychelles al Sud Est Asiatico. Benissimo anche destinazioni in ripresa: la Cina, ma soprattutto l’India che quest’anno, nel nostro bilancio, ha registrato un aumento di domanda pari al 90% rispetto al 2003”. E naturalmente, le ormai prossime settimane calde di Natale e Capodanno portano ancora un segno più nella casa dell’Elefante: con un aumento del 15%
rispetto allo stesso periodo del 2003, e la previsione di un +30% da novembre a febbraio 2005. Queste sono solamente alcune delle cifre fornite dai Viaggi
dell’Elefante – tour operator aderente all’Astoi – che nel solo 2004 ha avuto una crescita del 75% come media ponderata tra un +70% nel fatturato, per una chiusura prevista di 14 milioni di euro, e un +79% nel volume passeggeri. Clienti-viaggiatori, circa 5 mila all’anno, di cui Ducrot fornisce un preciso
identikit: professionisti e imprenditori, dai 35 anni in su, con una spesa media pro-capite di 3.300 euro, regionalizzati con una provenienza per il 67% dal nord Italia e per il restante 33% dal centro-sud”.

News Correlate