lunedì, 6 Dicembre 2021

Week end Viaggi, il 70% degli italiani non andrebbe nel Sud est asiatico

Secondo lo studio Demoskopea è ancora forte il timori di cataclismi ed epidemie

Da angoli di paradiso a luoghi insicuri e pericolosi: il 70% degli italiani non sceglierebbe piu’ per le vacanze il sud-est asiatico dopo il terribile maremoto, ritenendo non sicura la situazione igienico-sanitaria e scarse le possibilita’ di difesa da altri eventuali cataclismi. E’ quanto emerge da un sondaggio, svolto su un campione di 983 persone da Demoskopea, per conto del mensile ‘Weekend Viaggi’. Persino le Maldive non sono piu’ considerate un eden terrestre: il 57% del campione ha dichiarato che il maremoto ne ha modificato l’immagine, pur sottolineando che le isole vadano aiutate sostenendo il turismo, magari con l’offerta di pacchetti vantaggiosi (59%). Il 35%, comunque, pensa che non sia opportuno fare una vacanza di divertimento in una situazione di lutto e il 27% dice che non sia piu’ possibile rilassarsi. Il 70% degli intervistati che non andrebbe in vacanza nelle mete turistiche del sud-est asiatico si contraddistingue per l’appartenenza ad un profilo medio basso: titolo di studio
elementare o nullo (85%), classe socio-economica inferiore (78%), e 55-79enni (77%). Il 24% che si e’ detto a favore, invece, e’ costituito da 25-34enni (32%), soggetti con un profilo medio-alto (36%) e da chi risiede in citta’ medio-grandi (31%). Fra i contrari ad una vacanza nei luoghi del maremoto, il 37% ha bambini in famiglia, il 28% non andrebbe a causa del maremoto e dei suoi effetti e il 30% ha dichiarato di non essere interessato a quelle zone. Il 46% del campione, infine, ritiene che le Maldive si siano dimostrate indifese e che non ci sia possibilita’ di tutela da nuovi cataclismi.

News Correlate