mercoledì, 28 Febbraio 2024

In corso lo sciopero nelle ferrovie, stop fino alle 17

È in corso in tutta Italia lo sciopero nelle ferrovie per protestare contro la mancanza di sicurezza sul lavoro dopo l’incidente in Calabria. Lo stop di otto ore proclamato da Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugl Ferrovieri, Orsa trasporti e Fast Confsal coinvolge tutto il settore e durerà fino alle 17.

Lo stop da Nord a Sud della Penisola di “tutto il gruppo Fs e di tutte le imprese ferroviarie”, incluso Italo, è stato proclamato dai sindacati confederali in seguito all’incidente di Corigliano-Rossano, in Calabria, dove un treno regionale ha travolto un camion ad un passaggio a livello, provocando la morte dei due conducenti: il capotreno e l’autista del camion.

I sindacati di base si sono spinti anche oltre, annunciando uno sciopero di 24 ore per tutto il settore. Il Garante “pur riconoscendo le ragioni della protesta” ha invitato però tutti i sindacati “a contenere” l’astensione “a 8 ore, dalle 9 alle 16.59”. Lo stop è arrivato senza preavviso perché proclamato in base all’articolo 2 comma 7 della Legge 146/90, secondo cui le disposizioni in tema di preavviso minimo e di indicazione della durata “non si applicano” in caso di astensione dal lavoro in difesa dell’ordine costituzionale o “di protesta per gravi eventi lesivi dell’incolumità e della sicurezza dei lavoratori,” spiegano i sindacati.

“Da anni denunciamo la pericolosità dei passaggi a livello in tutti i livelli di confronto, chiedendone la soppressione totale. Eppure, nonostante l’Agenzia Nazionale per la Sicurezza Ferroviaria abbia evidenziato il numero di incidenti e di vittime determinati da incidenti analoghi a quello odierno, i passaggi a livello in Italia sono ancora migliaia”, affermano i sindacati confederali Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugl Ferrovieri, Orsa trasporti e Fast Confsal, esprimendo il proprio “cordoglio” ai familiari delle vittime.

Nell’apprendere la notizia il vicepremier e ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture, Matteo Salvini, dopo aver chiamato l’ad di Rfi, Gianpiero Strisciuglio, ha assicurato che Rfi “investirà e metterà a gara a breve 500 milioni per sistemi di sicurezza sui passaggi a livello” anche se “la normativa non prevede su tratte come quelle altri interventi per la sicurezza”.

Intanto sull’incidente ha aperto un’inchiesta la Procura della Repubblica di Castrovillari. E’ stata recuperata ed è in mano agli inquirenti la scatola nera del treno regionale. Secondo quanto emerso dai primi rilievi effettuati, non si sarebbe registrato alcun segnale di allarme e il treno avrebbe avuto così il via libera. Inoltre, il conducente del camion, con tutta probabilità, avrebbe fatto manovra all’interno dell’area del passaggio a livello a barriere chiuse, buttando giù anche un pezzo di muro di contenimento. “Sono rimasto estremamente colpito dal drammatico incidente ferroviario. Immagini sconvolgenti, fuoco, morti e feriti”, ha detto il presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, esprimendo il “sincero cordoglio” della Regione Calabria alle famiglie delle due vittime. (ANSA)

News Correlate