martedì, 24 Novembre 2020

Bonaccorsi rassicura: andremo al mare in estate, a studio misure 

“Andremo al mare questa estate. Stiamo lavorando per far sì che possa essere così”. Il messaggio di speranza per gli operatori turistici italiani arriva direttamente dal sottosegretario del Mibact, Lorenza Bonaccorsi, a Rainews. “Ci stiamo lavorando – ha spiegato – dal punto di vista degli atti amministrativi necessari per gli stabilimenti, immaginando una serie di normative prese con il comitato tecnico scientifico, che contemplano l’ipotesi di un distanziamento”.

Bonaccorsi ha quindi spiegato che sono allo studio misure per consentire lo sviluppo di un “turismo di prossimità” che favorisca i borghi rispetto alle aree più affollate. Il sottosegretario ha parlato anche di una “fase tre”, sulla quale “cominciamo però da subito a lavorare”, per il “riposizionamento strategico dal punto di vista del marketing e della comunicazione del nostro paese, che è sempre ai primi posti per il binomio gastronomia e cultura”.

Ma gli esperti frenano in attesa del lavoro della task force di esperti guidata da Vittorio Colao che entrerà nel vivo da questa settimana per studiare modelli e soluzioni per la “fase 2” di convivenza col virus, e poi quella per iniziare il ritorno alla normalità.

Intanto le aziende si stanno attrezzando per proporre soluzioni utili agli stabilimenti ma anche ai bar e ai ristoranti. Come i box in plexiglass tra gli ombrelloni proposti dall’azienda “Nuova Neon Group 2” di Serramazzoni, vicino Modena. Ma tra le proposte c’è anche quella quella di lasciare almeno tre metri tra un ombrellone e l’altro, in aggiunta a barriere di plexiglass da interporre tra ogni coppia di lettini.

Ma, dal canto suo, il Sindacato balneari chiede “un’ordinanza nazionale che stabilisca modalità uniche per tutto il territorio”.

 

News Correlate