domenica, 19 gennaio 2020

Aprile come ferragosto, prenotazioni dei viaggi organizzati a +35%

Nuova crescita delle prenotazioni (da un minimo di 10% fino al 35%) con partenze equamente distribuite fra la Pasqua e i Ponti primaverili, tanto da far paragonare il mese di aprile all’altissima stagione (Ferragosto). Emerge dall’Osservatorio Astoi Confindustria Viaggi, che rappresenta oltre il 90% del mercato del tour operating italiano.

I fattori trainanti del successo 2019 sono stati il calendario (ad esempio, con 5 giorni di ferie ci si può assentare dal lavoro per 12) e la grandissima ripresa del Mar Rosso, che ha fatto registrare numeri record pari ai tempi d’oro dell’Egitto.

Gli italiani hanno prenotato viaggi e soggiorni con durata da 6 a 15 giorni. Il budget medio a persona ha oscillato fra i 1.200 euro (viaggi in Europa e soggiorni balneari medio raggio) e i 2.500/4.000 euro (viaggi lungo raggio) fino a 7000/9.000 euro (segmento lusso). La prenotazione anticipata è stata scelta dal 25% di coloro che hanno prenotato una vacanza organizzata.

In Italia sono piaciute le settimane sulla costiera amalfitana e il relax al mare in Sicilia. In Europa hanno vinto le settimane culturali in Spagna, Austria, Francia e Scandinavia. Il medio raggio, come si accennava precedentemente, è stato appannaggio dell’Egitto, che ha visto crescere le crociere sul Nilo oltre che il Mar Rosso. A Sharm El Sheikh e a Marsa Alam sono state organizzate rotazioni extra di charter per soddisfare la domanda e i riempimenti dei resort hanno complessivamente sfiorato l’overbooking. Sul lungo raggio inteso come soggiorno balneare, la destinazione evergreen è ancora una volta l’arcipelago delle Maldive. Nei Caraibi si evidenzia la ripresa della Repubblica Dominicana. I tour culturali o naturalistici hanno mostrato sfaccettature molto variegate. Grande interesse è stato mostrato verso Iran e Giordania, seguiti da Marocco e Russia.

Nel continente africano le prenotazioni hanno premiato Kenya, Tanzania, Sudafrica, Togo, Ghana, Benin. Il Giappone si attesta in ogni stagione come una delle destinazioni più desiderate dagli italiani. Nella zona degli Emirati, grandi performance per il Sultanato dell’Oman. Australia, Oceano Pacifico, Estremo Oriente e Sri Lanka hanno attratto numerosi viaggiatori.

“A livello di tendenze – dice il presidente Astoi Confindustria Viaggi, Nardo Filippetti – assistiamo alla progressiva crescita di richieste esperienziali, oltre a quelle legate al lusso. Le previsioni per l’estate 2019 fanno presagire andamenti positivi, sia verso mete vicine come ad esempio Grecia, Spagna e Tunisia, sia per combinazioni lungo raggio che abbinano tour di scoperta al relax balneare”.

News Correlate