martedì, 23 Luglio 2024

Nel 2023 2 italiani su 3 hanno già fatto o programmato una vacanza

La voglia di viaggiare non va mai in vacanza: per le famiglie il turismo rappresenta un piacere quasi irrinunciabile. Nel 2023 quasi 2 italiani su 3 hanno già fatto o pianificato un viaggio. Le scelte variano molto e dipendono soprattutto dalla generazione d’appartenenza. Se Gen Z e Millennial sono più inclini all’avventura, Boomer e Silent preferiscono il relax. Che sia scalare una montagna o sdraiarsi sotto l’ombrellone, poco cambia. Il budget è di circa 1.400 euro per spostamenti e alloggi mentre si guardano con favore gli strumenti che, permettendo di pagare un po’ per volta, consentirebbero di fare un salto di qualità. Infatti, il Buy Now Pay Later – la formula di dilazione dei pagamenti senza interessi – piace a più di 6 italiani su 10 (63%). È quanto emerge dall’Osservatorio dedicato ai viaggi e alle vacanze realizzato da Compass, la società di credito al consumo del Gruppo Mediobanca, in occasione del TTG Travel Experience 2023.

Tra i viaggi ‘ideali’ che catturano il massimo interesse circa un terzo (36%) sogna di fare il giro del mondo in sei mesi, ma sono soprattutto le persone con maggiori disponibilità economiche a desiderarlo (41%); un 30% degli intervistati, invece, preferirebbe un soggiorno in un resort extra lusso con servizi esclusivi. A livello generazionale si notano molte sfumature. La Gen Z è attratta dall’avventura e opterebbe per un lungo viaggio on the road in auto/moto (26%) o per il giro del Mediterraneo in barca a vela (23%), mentre i cammini spirituali sono molto gettonati tra i Boomer (15%) e il trekking sulle vette più alte del mondo tra i Millennial (14%).

Nel 2023, circa 2 italiani su 3 hanno già fatto o pianificato una vacanza di almeno 4 notti fuori casa nel corso dell’anno, contro il 24% che non prevede di fare viaggi. Il mezzo di trasporto preferito rimane l’auto di proprietà (48%), specialmente tra i Boomer (64%) e i Silent (60%). Al secondo posto l’aereo (24%), gettonato soprattutto tra chi ha un alto livello di istruzione (39%). Millennial e Gen Z scelgono anche treni, autobus o veicoli a noleggio. Navi o traghetti occupano il gradino più basso della classifica (5%) e sono prediletti solo dalla Gen Silent (20%). Per l’alloggio si riscontra una certa polarizzazione nelle preferenze con hotel e villaggi turistici (40%) saldamente al primo posto. Segue la seconda casa o essere ospiti di amici o parenti (19%), soprattutto tra la Gen Z (28%). Quasi 1 turista su 5 sceglie invece B&B e case in affitto (16%), una soluzione che piace soprattutto agli abitanti del Sud e delle isole (21%).

Quanto hanno speso o spenderanno gli italiani nel 2023 per trasporti e alloggi? In media poco meno di €1.400. In particolare, il budget per i soli spostamenti si attesta mediamente a quota €362, mentre per gli alloggi a circa €1.000. C’è anche chi preferisce i pacchetti All-Inclusive: circa 1 turista su 5 ha usufruito o vuole usufruire di questa formula, che piace soprattutto ai Millennial, alle donne e a chi vive in piccoli centri. Quando si tratta di decidere il canale per finalizzare gli aspetti organizzativi, c’è un chiaro vincitore: il web. Il 75% ha utilizzato, infatti, il canale online per scegliere e pagare alloggio e trasporti. Al contrario, il 14% ha sfruttato il canale fisico (agenzie, tour operator, ecc.).

Per i pagamenti la maggior parte ha saldato il dovuto al momento dell’acquisto, attraverso strumenti digitali quali la carta di credito, usata dal 44% dei turisti per gli alloggi e dal 38% per gli spostamenti. Al secondo posto troviamo la carta di debito, mentre il bonifico è scelto soprattutto da chi opta per i pacchetti All-Inclusive (37%). Ma tra chi ha pagato tutto e subito, oltre il 30% avrebbe valutato positivamente una forma di dilazione nel tempo del costo sostenuto (70% per chi ha scelto un All-Inclusive).
La rateizzazione per le vacanze è quindi un’alternativa che piace. Non a caso, l’interesse per il Buy Now Pay Later è in aumento, con il 63% degli italiani che lo prende in considerazione. Tanti i motivi: la dilazione nel tempo senza interessi permetterebbe di concedersi quel qualcosa in più, come viaggiare più a lungo, verso destinazioni più lontane ed esotiche o per garantirsi servizi di maggiore qualità. A pensarla così sono soprattutto i giovani della Gen Z, mentre i Millennial vedono positivamente la possibilità di rateizzare i costi per poter viaggiare con più persone a proprio carico.

“La voglia di viaggiare degli italiani è una certezza – ha commentato Luigi Pace, Direttore Centrale Marketing & Innovation di Compass. Il nostro Osservatorio sottolinea l’interessante confronto tra generazioni: la Gen Z si dimostra molto dinamica e desiderosa di avventure, Boomer e Silent prediligono vacanze più tradizionali. La novità del Buy Now Pay Later, che permette di dilazionare a costo zero le spese nel tempo, può dare agli italiani la possibilità di viaggiare, di valutare vacanze con qualche giorno in più a disposizione o di fare esperienze di maggiore qualità. Un elemento a cui le famiglie, sempre più attente alla gestione del budget familiare, iniziano a guardare con crescente interesse”.

News Correlate