domenica, 16 Maggio 2021

PiratinViaggio offre a tutti i dipendenti la possibilità di lavorare in smart working

Lo smart working è il nuovo trend in fatto di metodi lavorativi e molte aziende lo hanno adottato per proteggere i propri impiegati in “tempi di Covid”. La piattaforma di offerte turistiche online HolidayPirates, di cui fa parte PiratinViaggio, aveva cominciato con questo modello già da metà marzo. Una scelta che si è rivelata vincente, tanto che David Armstrong, CEO del gruppo, ha deciso che a partire da settembre i dipendenti potranno decidere se e quando tornare in ufficio o piuttosto lavorare da remoto.

“Siamo una piattaforma di offerte turistiche ed è chiaro che una forma di lavoro di questo genere sia la più adatta per un team di appassionati di viaggi! Con oltre 40 nazioni di provenienza, inoltre, molti colleghi hanno famiglia e amici distanti. Con questo modello di smart working potranno così, a partire da settembre, decidere in autonomia quando e per quanto tempo tornare in ufficio”. Si tratta soprattutto di essere flessibili, sia nella forma lavorativa che mentalmente – aggiunge Armstrong – Il quartier generale di Berlino rimane ma cambia sposta il focus sull’incontro e la comunicazione”.

Perfettamente in linea con questa filosofia di lavoro, PiratinViaggio ha deciso di diventare Media Sponsor del contest Sea Working, con cui si possono vincere 10 giorni per lavorare in smart working da una barca a vela a Brindisi. Ideatori del progetto Destination Makers, società di consulenza in destination marketing e management, supportati da varie realtà locali e non, che hanno chiesto a PiratinViaggio di promuovere il progetto tra i propri follower. La campagna è stata spinta sul blog (con 3 milioni di sessioni al mese, quasi 7 milioni di pageviews, 1,3 milioni di utenti), sui canali social (con rispettivamente 1.509.500 user italiani su Facebook e 810k su Instagram), e CRM.

https://www.seaworking.it/

News Correlate