domenica, 26 Giugno 2022

Viaggi sostenibili, flessibili e non per forza low cost, i trend per il 2022

Dopo due anni di pandemia, le persone danno più importanza che mai ai viaggi e al tempo libero. Lo rivela un report sulle prospettive per il settore dei viaggi nel 2022 pubblicato da Expedia Group e condotto in collaborazione con Wakefield Research, che ha intervistato 5.500 adulti in otto differenti Paesi, secondo cui i viaggiatori hanno anche iniziato ad adattarsi alla situazione legata al COVID-19, come si vede dall’importanza attribuita alla flessibilità e dall’interesse per la sostenibilità, che si traduce in propositi come dare più mance ai lavoratori e scegliere destinazioni meno affollate per limitare gli effetti del turismo di massa.

Ci sarà un aumento dei viaggi dedicati al benessere personale.
• La pandemia ha portato le persone a riflettere sull’importanza di trascorrere del tempo in famiglia e di preservare il proprio benessere personale. La maggior parte delle persone (l’81%) prevede di prenotare almeno una vacanza con la famiglia e gli amici nei prossimi sei mesi e quasi tutti preferiscono partire spesso (il 78% dei viaggiatori è interessato a viaggi brevi e frequenti).
• Allo stesso modo, il report di Expedia® sulle tendenze di viaggio per il 2022 ha rilevato che quasi due viaggiatori statunitensi su cinque (il 36%) cercano un senso di appagamento e benessere mentale per il loro prossimo viaggio.

La nuova realtà lavorativa cambierà le priorità dei viaggiatori.
• Mentre le aziende si preparano a tornare in ufficio e a modificare le politiche di lavoro a distanza, i dipendenti cercano di sfruttare maggiormente le loro vacanze e, in alcuni casi, di combinare lavoro e svago. Più della metà (56%) di coloro che lavora da remoto prolungherà un viaggio di lavoro per trascorrere qualche giorno di vacanza, o viceversa.
• Il report di Vrbo® sulle tendenze di viaggio per il 2022 ha inoltre rilevato che, rispetto al periodo precedente alla pandemia, l’84% delle famiglie statunitensi dà maggiore importanza alle vacanze e il 77% apprezza ancora di più la separazione tra la vita professionale e quella privata.

Gli investimenti nei viaggi aumenteranno rispetto al periodo precedente alla pandemia.
• Più della metà (il 54%) degli intervistati afferma di voler spendere di più per i viaggi rispetto a prima della pandemia.
• Il 40% prevede di utilizzare i punti dei programmi fedeltà per almeno una parte di un viaggio nel 2022 (la percentuale è ancora più alta per la Generazione Z).

Le persone viaggeranno in modo più responsabile e consapevole, con una maggiore attenzione per la sostenibilità.
• Il 59% degli intervistati è disposto a pagare di più per un viaggio sostenibile e il 49% sceglierà una destinazione meno affollata per ridurre gli effetti del turismo di massa.
• Quasi la metà (il 43%) dedicherà più tempo ai servizi e ai trasporti, contribuendo a ridurre le lunghe code, lo stress per i lavoratori e la possibilità di perdere un volo.

I viaggiatori daranno più importanza alle offerte e alla flessibilità.
• Come abbiamo visto nel report Cosa vogliono i viaggiatori e nel Traveler Value Index del 2021, la possibilità di prenotare viaggi a un prezzo ragionevole e di apportare modifiche agli itinerari è fondamentale per i viaggiatori. L’84% degli intervistati concorda sul fatto che una tariffa scontata è importante al momento di prenotare un volo online.
• Una percentuale quasi identica (l’83%) afferma che le opzioni tariffarie flessibili fanno un’enorme differenza.

Secondo Ariane Gorin, presidente di Expedia for Business, “il settore turistico sta per vivere un anno completamente diverso dal solito, perché le persone che stanno pianificando viaggi mirati, daranno più importanza che mai alle vacanze e spenderanno di più per esperienze uniche. Tuttavia, i viaggiatori si stanno anche preparando a possibili cambiamenti di programma dovuti al permanere del COVID-19 e vogliono poter contare su varie opzioni. I fornitori di servizi di viaggio che danno priorità alla sicurezza e al benessere dei clienti, alle soluzioni innovative e alla comunicazione trasparente avranno maggior successo, man mano che l’intero settore passerà da una situazione di emergenza a una fase caratterizzata da domanda e crescita accelerate”.

News Correlate