martedì, 29 Settembre 2020

Torino, riapre il Golden Palace Hotel

Per combattere la crisi la città punta sul lusso a 5 stelle

‘Lusso divertente e democratico’ è lo slogan del rinato Golden Palace, unico hotel 5 stelle lusso di Torino, fallito nei mesi scorsi e che dal 20 giugno ha riaperto i battenti con una nuova gestione. Ad aggiudicarsi la struttura, con un investimento di 70 milioni di euro, la società Mapi che fa capo a Piergiorgio Mangialardi e Fabio Vigitello, che hanno assunto rispettivamente la carica di presidente e direttore dell'hotel.
“Crediamo in Torino e vogliamo aprirci alla città più' di quanto sia stato fatto finora – ha spiegato Mangialardi – abbiamo ampliato la gamma tariffaria delle 195 stanze dell'albergo e stiamo realizzando 2 nuove sale meeting che una volta ultimate consentiranno di ospitare 300 persone. Il nostro obiettivo – ha aggiunto – è raggiungere i 10 mln di fatturato entro i prossimi 2 anni, e al momento siamo fiduciosi: l'occupazione media delle stanze di aggira intorno al 50% per una permanenza media di due notti e il volume d'affari ad oggi registra un incremento del 10% rispetto allo stesso periodo dell'anno passato”.
Inoltre, Mangiarlardi ha precisato che la struttura dà lavoro a “55 addetti, tutti i 45 già presenti nella passata gestione a cui in qualche mese si sono aggiunte 10 unità”. L'albergo oltre alle 195 stanze suddivise in 6 tipologie, offre alla clientela un centro spa, aperto non solo ai clienti dell'albergo ma a tutta la città e, fiore all'occhiello, un ristorante sotto la supervisione delle chef Marco sacco, 2 stelle Michelin.

 

News Correlate