venerdì, 21 febbraio 2020

Ad Asti rivive il Palio medievale

Asti si prepara all’annuale appuntamento con la rievocazione storica del Palio medievale. L’appuntamento è fissato per il 18 settembre, quando 21 tra rioni, borghi e comuni si contenderanno un drappo d’autore che sarà assegnato al vincitore di una corsa di cavalli. Per l’occasione quest’anno, saranno aperti al pubblico tre edifici storici: palazzo Alfieri, palazzo Ottolenghi e palazzo Mazzola.

Ad inaugurare la manifestazione sarà un corteo composto da oltre mille figuranti in costume medioevale che, partendo da piazza cattedrale raggiungeranno la pista triangolare di piazza Alfieri. Qui sarà perpetrato un antico rito: il capitano del Palio e il suo gruppo di giovani magistrati e cavalieri, chiederanno al sindaco ‘licenza’ di correre il Palio. Successivamente il mossiere prenderà posto nella torretta dando inizio alla sfida tra fantini con tre batterie in gara.

Per conoscere la storia del Palio, sarà possibile visitare il museo dedicato proprio a questa antica tradizione, visionando manoscritti risalenti al IX secolo e ripercorrendo anche la storia della città, attraverso documenti originali e un video. Ma per chi sarà ad Asti anche l’opportunità di vedere la casa natale di Vittorio Alfieri, riaperta nel maggio scorso con nuovo allestimento.

News Correlate