mercoledì, 3 Marzo 2021

In Piemonte al via la gara europea delle ferrovie

Consente ai vincitori 3 anni di tempo per mettere in piedi il servizio

E’ partita la gara europea indetta dalla Regione Piemonte per l’affidamento del servizio ferroviario regionale. Ad annunciarlo è stato il presidente della giunta regionale, Mercedes Bresso, insieme all’assessore ai Trasporti Daniele Borioli. Il bando prevede di partire inizialmente con 3 lotti, che coprono circa il 60% del servizio regionale per un totale di 11,5 milioni di treni che percorrono circa 1.322 km di rete. Il budget messo in campo dalla Regione è inversamente proporzionale all’appetibilità commerciale della tratta: 1 solo milione di euro l’anno per la linea Torino-Milano che è la più redditizia e potrebbe sostenersi anche senza il contributo pubblico, 43 milioni e 402 mila euro circa per il lotto del Piemonte nord-orientale (Biella, Novara, Vercelli e Vco), e oltre 60 milioni per quello del Piemonte sud-orientale (Asti, Alessandria e i collegamenti per Genova). La gara è aperta a operatori pubblici e privati, italiani e stranieri. La Regione chiede l’utilizzo di treni nuovi e il mantenimento degli attuali organici. Consente ai vincitori 3 anni di tempo per mettere in piedi il servizio, che fino ad allora dovrà essere garantito da Rfi con un contratto ponte, attualmente in fase di contrattazione.

News Correlate