Scoperta anche in Salento una struttura omofoba, la denucia di Arcigay

Dopo la storia di Tropea, l’Arcigay denuncia quanto accade a San Foca, in Salento, dove i proprietari di un appartamento specificano nell’annuncio online che non si accettano coppie formate da persone dello stesso sesso. “Niente casa in affitto a persone che aderiscono all’ideologia gender e coppie omosessuali, anche se unite dal rito civile”, riporta l’annuncio.

Il Salento, considerato da molti anni meta gay friendly, si trova a dover fare i conti con questa spinosa situazione. “La notizia dell’annuncio omofobo in una struttura turistica salentina ci indigna – commenta Roberto De Mitry, presidente di Arcigay Salento – Proprio questa indignazione porteremo nelle strade il prossimo 19 agosto a Gallipoli per il Salento Pride, la manifestazione che chiude la stagione dell’Onda Pride. Il nostro orgoglio sarà la rappresentazione palpabile della sconfitta di tutti questi omofobi”.
“È indispensabile mettere in campo un intervento strutturale e normativo che escluda l’omotransfobia – spiega Gabriele Piazzoni, presidente nazionale Arcigay – così come tutte le discriminazioni e i razzismi, dall’esercizio di servizi destinati al pubblico, anche se messi in campo da privati”.

Nel caso di San Foca nessun turista è stato rifiutato dalla struttura, perché l’annuncio è stato notato da persone in cerca di una casa da affittare e segnalato preventivamente all’Arcigay nazionale, che ha provato a contattare i proprietari senza riuscire ad ottenere alcuna spiegazione.
A distanza di poche ore il sito CaseVacanza.it ha reso noto di avere rimosso l’annuncio omofobo e di avere bloccato l’inserzionista, che non potrà più pubblicare nulla.

News Correlate