venerdì, 22 Gennaio 2021

L’estate si anima con la 3^ edizione di ‘Puglia Open Days’

Torna l’appuntamento con la 3^ edizione di ‘Puglia Open Days’, promossa dalla Regione Puglia attraverso l’agenzia Pugliapromozione. Ogni sabato, dal 5 luglio al 27 settembre, dalle 20 alle 23, è di scena l’iniziativa ‘L’arte fa lo straordinario’ che consete di ammirare i capolavori artistici della Puglia gratuitamente. Sono coinvolti 104 comuni, per un totale di 256 beni culturali. Spiccano, in particolare, le visite guidate ai centri storici; ma sono destinate a richiamare l’attenzione del pubblico anche le visite alle chiese, ai castelli, ai palazzi storici e alle aree archeologiche.
Nelle ore serali Bari aprirà al pubblico il Castello Svevo (ad esclusione del 26 luglio e del  9 agosto), la Basilica di San Nicola, la Cattedrale di San Sabino, il museo diocesano, Palazzo Simi e la Bari sotterranea.
A Bitonto è possibile visitare la galleria nazionale della Puglia ‘Devanna’, la Cattedrale, il Torrione Angioino e il Palazzo della Regia Corte. Previste anche delle visite guidate nel centro storico, così come a Giovinazzo, dove è d’obbligo fermarsi ad ammirare la concattedrale di Santa Maria Assunta.
A Molfetta ‘Puglia Open Days’ darà la possibilità di visitare il duomo di San Corrado e il museo archeologico del Pulo. Visite guidate anche a Polignano a Mare, dove è inoltre possibile visitare il museo d’arte contemporanea ‘Pino Pascali’.
Ad Alberobello è aperto il museo del territorio ‘Casa Pezzolla’. Previste visite guidate anche nei centri storici di Monopoli e Putignano, mentre a Gravina porte aperte alla fondazione Ettore Pomarici Santomasi e alle chiese rupestri di San Michele e di Santa Maria degli Angeli. Spazio anche ai bambini con iniziative nei centri storici di Bari, Conversano, Molfetta, Monopoli e Polignano.
Ad agosto sono in agenda i laboratori didattici al Castello angioino aragonese di Mola di Bari e al museo del fischietto in terracotta ‘Domenico Divella’ di Rutigliano. Infine, è possibile soggiornare anche in palazzi storici, segnalati nella ‘Mappa resorts e agriturismo a Bari e provincia’, scaricabile dai siti dedicata a questa iniziativa. 

News Correlate