domenica, 15 dicembre 2019

Il viaggio di Enea, candidato a Itinerario Culturale d’Europa, approda in Salento

Il viaggio di Enea è candidato al riconoscimento quale ‘Itinerario Culturale del Consiglio d’Europa’: in Italia, come narra Virgilio, approdò in Puglia. Il progetto ‘La Rotta di Enea’ è stato presentato il 23 novembre in un convegno dedicato all’autore dell’Eneide, con Paolo Fedeli, accademico dei Lincei, la vicepresidente del Congresso dei poteri locali del Consiglio d’Europa Barbara Toce, il presidente dell’associazione Rotta di Enea, Giovanni Cafiero e l’assessore regionale alla cultura, Loredana Capone, in collaborazione con la Cciaa di Brindisi e Assonautica.

Il viaggio dell’eroe figlio di Afrodite si snoda in Turchia, Grecia, Albania, Tunisia e Italia, con 21 tappe principali in luoghi suggestivi della civiltà mediterranea: l’approdo nel basso Salento è collocato a Castrum Minervae, l’odierna Castro (Lecce), dopo la sosta a Butrinto (Albania).
Qui nasce il periplo di Enea nell’Italia meridionale, dall’Adriatico al Tirreno, percorso che oggi il progetto propone con “un forte valore per il rilancio del Mezzogiorno” e con la città di Brindisi, tappa crocieristica, punto di incontro anche con la via Appia che da qui conduce a Roma.
“Enea che porta con sé il Palladio, la statua di Atena, divinità protettrice della Città – spiega Cafiero – in viaggio con il padre Anchise sulle spalle e il figlio Ascanio per mano, rappresenta una metafora che può guidare il rilancio del Mezzogiorno in un contesto Euromediterraneo: fedeli alle proprie tradizioni ma proiettati verso un futuro aperto agli scambi culturali, al turismo, all’economia del mare”.

News Correlate