martedì, 26 Gennaio 2021

Compie 100 anni il viaggio di Lawrence in Sardegna, un anno di eventi sulle tracce dello scrittore

Lo spirito del viaggio in Sardegna di D.H.Lawrence rivive sul binario del Trenino Verde.  Cento anni fa, infatti, lo scrittore inglese con sua moglie Frieda era in treno tra Mandas e Sorgono ad ammirare dal finestrino i paesaggi del Sarcidano Barbagia di Belvì e Mandrolisai. Impressioni riportate in ‘Sea and Sardinia’  racconto-reportage del suo soggiorno nell’Isola. La ricorrenza sarà celebrata nel 2021 con il progetto di promozione del territorio ‘In viaggio con Lawrence’, tra convegni, manifestazioni, eventi, itinerari ferroviari.

“La coppia Lawrence rappresenta oggi il prototipo del turista che noi tutti vorremmo: viaggia in inverno, verso l’interno, usando mezzi pubblici, treno e corriere, quindi forme di mobilità sostenibili, con spirito di avventura e curiosità”, ha detto Roberto Neroni, amministratore unico di Arst, l’azienda di trasporti che gestisce il Trenino Verde.
“Cent’anni dall’avventura di Lawrence non potevano passare inosservati: questa storia autentica fa viaggiare nel mondo l’immagine di una Sardegna da scoprire tutto l’anno grazie a un testimonial d’eccezione come lo scrittore inglese”, ha detto Gianni Chessa, assessore regionale al Turismo.
La ricorrenza cade nell’anno Europeo delle ferrovie.  Coincidenza felice per la promozione di un turismo lento e sostenibile e per la valorizzazione dei 438 km dell’antica ferrovia sarda a scartamento ridotto, la più lunga d’Italia. Il fitto carnet di eventi, che in parte slitteranno a causa del Covid, ha preso il via con la messa in posa di una targa nella stazione di Mandas, per ricordare il soggiorno di Lawrence nella cittadina della Trexenta. In programma anche passeggiate tra le vie di Cagliari con figuranti in abito d’epoca e letture di brani di Lawrence.
Il progetto prevede una serie di iniziative mirate: dalla riapertura del Museo delle Ferrovie a Monserrato alla valorizzazione della stazione e della storica e autentica Officina di Tempio Pausania (1888), oltre a tante manifestazioni che coinvolgeranno gli enti locali per trasformare ogni singola tappa in una meta di turismo esperienziale.

News Correlate