giovedì, 3 Dicembre 2020

Albergatori Siracusa offrono alloggio e formazione alberghiera ai 47 della Sea Watch

Gli albergatori di Siracusa sono pronti a prelevare dalla Sea Watch e a ospitare a proprie spese i 47 migranti che si trovano a bordo della nave della ong tedesca, in rada davanti al porto della città. In una lettera al prefetto e ai ministri degli Affari esteri, dei Trasporti e dell’Interno, il presidente degli albergatori, Giuseppe Rosano, scrive che “non è più ammissibile ritardare lo sbarco di 47 esseri umani imprigionati sulla Sea Watch da oltre 11 giorni”.

“Come gesto di umanità e nel rispetto delle normative vigenti, senza alcuna volontà o interesse a violare la legislazione in materia di sicurezza, né tantomeno attribuendoci competenze di valutazione e di decisione politica spettanti esclusivamente all’autorità competenti, l’associazione Noi albergatori Siracusa chiede ai ministri Moavero, Toninelli e Salvini di “consentire all’associazione di predisporre a propria cura e spese di trasferire a terra con nostri mezzi i 47 esseri umani e offrire ai migranti adeguato alloggio, il necessario vitto e vestiario fintantoché non sarà trovata l’adeguata soluzione politica internazionale”.

Ma non solo. Rosano a nome degli albergatori si impegna, dopo l’avvenuto sbarco, “ad avviare i 47 migranti all’apprendimento della lingua italiana, con specifici docenti e alla frequenza di corsi di addestramento per avviarli successivamente alle attività lavorative tipiche dell’albergo; con assunzione con contratto stagionale, nel rispetto del Contratto Collettivo Lavoro Aziende Alberghiere”.

News Correlate