venerdì, 26 Febbraio 2021

A Taormina restano chiusi il Teatro antico e Isola Bella

Con il passaggio in “zona gialla” da ieri, lunedì 15 febbraio, anche musei e siti d’arte in Sicilia hanno riaperto al pubblico. Tra i siti gestiti dal Parco Archeologico Naxos Taormina tornano accessibili ai visitatori il Museo e l’Area Archeologica di Naxos (da lunedì a venerdì, dalle 9 alle 16.30, ingresso 4 euro) e il M.A.FRA, il Museo Archeologico di Francavilla di Sicilia, l’ultimo “gioiellino” realizzato dal Parco insieme con il Comune inaugurato a metà ottobre (ingresso gratuito da lunedì al venerdì dalle 10 alle 18).

Restano chiusi Taormina e Isola Bella. “Fino alla fine di febbraio – spiega Gabriella Tigano, direttore del Parco Naxos Taormina – siamo costretti a tenere chiuso il Teatro Antico a causa di indispensabili lavori alla cabina Enel che serve l’intera cittadina: interventi incompatibili con la presenza di visitatori sia pure in formato ridotto, stante l’attuale paralisi dei flussi turistici a causa della pandemia. In partenza infine i lavori all’Isola Bella dove nei prossimi giorni sarà allestito il cantiere dei lavori di manutenzione straordinaria che, oltre a ripristinare uffici e biglietteria, consentiranno il recupero di alcuni ambienti attualmente interdetti ai visitatori per ragioni di sicurezza. Contiamo di riaprire il sito in maniera definitiva fra qualche mese, e comunque prima della stagione estiva, restituendo ai sempre numerosi visitatori nuovi spazi di questa affascinante dimora d’epoca, talmente mimetizzata nel paesaggio e nella flora dell’isola da essere un tutt’uno con l’ambiente circostante”.

A Marsala, invece, restano appena nove giorni per visitare la mostra su Carla Accardi e Antonio Sanfilippo inaugurata al Convento del Carmine a fine settembre e costretta alla chiusura dal 5 novembre. Con la mostra “Carla Accardi – Antonio Sanfilippo. L’avventura del segno”, prima indagine comparata fra due grandi protagonisti dell’arte astratta del Novecento a cura dello storico dell’arte Sergio Troisi e organizzata insieme con l’Archivio Accardi Sanfilippo di Roma, riapre a Marsala anche Palazzo Grignani, che ospita la collezione permanente d’arte contemporanea costituita negli ultimi trent’anni di attività della Pinacoteca.
La mostra, che avrebbe dovuto chiudere il 10 gennaio ed è stata prorogata al 28 febbraio, sarà visitabile insieme a Palazzo Grignani a ingresso gratuito. Entrambi i siti saranno aperti dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 19. All’ingresso sarà misurata la temperatura con il termoscanner.

 

News Correlate