giovedì, 18 Aprile 2024

Selinunte e i giganti di Mont’e Prama volano al Met di New York

Due iniziative di scambio culturale porteranno quest’estate Sardegna e Sicilia al Metropolitan di New York. Dal 25 maggio sarà esposto nelle gallerie greco-romane del museo uno dei celebri Giganti di Mont’e Prama. Mentre sono già arrivati nel museo sulla Quinta Strada tre oggetti provenienti dagli scavi antichi di Selinunte in prestito a lungo termine dal museo archeologico Antonio Salinas di Palermo. In cambio il Met ha prestato per tre anni al Salinas quattro brocche cipriote dalla collezione Cesnola datate al 750-600 avanti Cristo.

Gli scambi sono un ulteriore segnale del disgelo tra Italia e Metropolitan dopo il braccio di ferro di una ventina di anni fa che portò al rimpatrio del vaso di Eufronio e degli argenti di Morgantina. Il tesoro di Morgantina fu acquistato tra il 1981 e il 1982 in Svizzera dal museo: al momento della restituzione era stato previsto che facessero ogni quattro anni la spola tra Aidone e New York, ma l’anno scorso fu deciso che sarebbero rimasti per sempre in patria per non sottoporli a pericolosi stress durante il viaggio transatlantico. In cambio era stata decisa l’iniziativa dei prestiti triennali: ed ecco dunque al Met i tre pezzi da Selinunte, una metopa, un altarino di terracotta e una lampada di marmo, tutti provenienti da scavi antichi di un sito in cui è attualmente al lavoro, dal 2006, il vicino Institute of Fine Arts della New York University.

News Correlate