Raddoppio ferroviario Pa-Ct, il coronavirus non ferma i cantieri

“Sopralluogo al grande cantiere del raddoppio ferroviario Palermo-Catania manifestando il pieno sostegno del Governo Musumeci all’impegno di Rfi e Italferr, ma anche all’attività di Salini Impregilo e di tutte le imprese locali in campo per una delle opere che non si è fermata anche in queste durissime settimane segnate dall’emergenza coronavirus”. Lo ha detto l’assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone, a margine di una visita al cantieri di realizzazione dei circa 40 km di raddoppio ferroviario fra Catania Bicocca e Catenanuova.

“L’opera – spiega l’assessore – vale nel complesso circa 400 milioni di euro e dovrà portare all’attivazione del binario entro settembre 2021. Abbiamo preso atto dei progressi compiuti sui circa dieci fronti del cantiere, dove sono attualmente in corso gli interventi che prevedono la rimozione di passaggi a livello, la modernizzazione dei binari e la costruzione di cavalcaferrovia e strutture annesse. Il raddoppio dei binari fra Catania e Palermo, opera attesa in Sicilia da decenni, va dunque avanti grazie al senso di responsabilità e allo sforzo di imprese e maestranze in azione nonostante la crisi generalizzata”. Il prossimo sopralluogo sarà a fine maggio.

News Correlate